Sassuolo-Inter: la rabbia di Icardi, la ‘furia’ di Conte

di Domenico Lamanna

Sassuolo-Inter non è mai una partita come le altre. 

Son  cinque le gare tra neroverdi e nerazzurri che molti tifosi difficilmente dimenticheranno. La prima risale al 22 settembre 2013. L'Inter di Mazzarri, dopo il pareggio contro la Juventus per 1-1, arriva in Emilia. È goleada per l'Inter: 7-0. Risultato storico: andarono a segno Palacio, Taider, Alvarez, Milito (con una doppietta) e Cambiasso oltre all'augol di Pucino. La seconda gara è del 14 settembre 2014. La storia si ripete. Ancora 7-0. A segno in quel match, Icardi (tripletta), Osvaldo (doppietta), Kovacic e Guarin. 

La terza gara è invece una sconfitta. L'Inter di Mancini, l'1 febbraio 2015, perde per 3-1 a Reggio Emilia. Partita indimenticabile non tanto per il risultato quanto per la furia di Icardi alla fine. L'argentino non le manda a dire al tifo organizzato interista. Da lì in poi, il rapporto non sarà più lo stesso. Quarto match da ricordare: è iniziata da poco l'era di Antonio Conte. Il 20 settembre 2019 i nerazzurri sbancano il Mapei Stadium, vincendo 4-3, sotto il segno della Lula. Doppietta sia per Lautaro che per Lukaku, che per la prima volta andarono a segno entrambi nella stessa partita. 

E poi l'anno del titolo, la scorsa stagione. È il 28 novembre e l'Inter di Conte, reduce dal ko in Champions contro il Real Madrid, sfoga la propria rabbia sul campionato. Di fatto, Reggio Emilia è stata la prima tappa importante che mise le basi per lo Scudetto. Netto 3-0 in favore dei nerazzurri, con gol di Sanchez, Gagliardini e autogol di Chiriches. Insomma Sassuolo-Inter non è mai banale. Questa sera Inzaghi dovrà rifarsi dopo i due pareggi consecutivi. Il tecnico ha già in mente la formazione che scenderà in campo.


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su