Inter, si cercano due punte per una rivoluzione in attacco

di Vieri Ragazzini, pubblicato il: 19/03/2022

Inter, non uno ma due attaccanti sono nei piani di acquisto di Marotta e Ausilio per la prossima stagione.

I lavori sono in corso già da un po’ come riporta oggi 19 marzo la Gazzetta dello Sport. La novità, piuttosto, più importante è che sono due gli attaccanti da prendere nella testa della dirigenza interista.

Marotta e Ausilio, vogliono vicino al centravanti del futuro che risponde all'identikit di Haller, centravanti puro dei lancieri olandesi dell'Ajax, un giocatore più esperto e navigato. In estrema sintesi: un vice Dzeko.

Marotta per l'investimento del futuro sta lavorando su piani diversi. Il preferito è Haller, con i profili di Scamacca e David subito dietro. Sui primi due ci sono stati anche degli incontri con gli entourage dei calciatori, il canadese invece è stato solo sondato. 

“Scamacca e Haller, Haller e Scamacca. Ci sono motivi buoni per preferire l’uno o l’altro”, si domanda la Rosea.

Scamacca, per dire, è l’identikit perfetto per la filosofia di Marotta che ama giocatori giovani, italiani, e con enormi margini di miglioramento già individuati, e perché no, con uno stipendio contenuto.

Su Scamacca l’Inter è già a buon punto con la chiara volontà del giocatore di vestire nerazzurro. Marotta e Ausilio stanno giustamente però giocando su più tavoli. Ed è per questo motivo che c'è stata una accelerata e un interesse vivo per Haller che rispetto a Scamacca è meno giovane, già strutturato come calciatore e già di caratura internazionale come fanno vedere gli 11 gol segnati in questa Champions League.

E l’Inter, in fondo, per la prossima stagione cerca un titolare, non un nome in più. Il problema di Haller è il prezzo: non basterebbero 35 milioni per prelevarlo dall'Ajax che ragiona su una cifra vicina ai 40 milioni. A fine mese l’Inter vedrà di nuovo gli agenti dell’attaccante. Sarà un vertice importante, per provare a capire la fattibilità dell’operazione.


Le prossime partite

La classifica

Condividi su