Mercato Inter, ipotesi ritorno di Lukaku. Tuchel fa chiarezza su tutto

di Diego De Cicco, pubblicato il: 06/05/2022

Inter, si raffreddano le voci su un possibile ritorno di Lukaku.

Dopo che nei mesi scorsi si è parlato tanto della volontà di Lukaku di tornare all’Inter, ora le voci sembrano essersi placate. La dirigenza nerazzurra è stata chiara sul fatto che il mercato estivo sarà fatto con estremo giudizio e che in primis si punta a non indebolire la rosa e cercare di rimanere nei paletti finanziari richiesti da Suning.  A tal proposito dunque appare al limite dell’impossibile un ritorno dell’attaccante belga autore di due stagioni eccezionali a Milano.

Dal suo arrivo a Londra non è certo un mistero che non sia scoppiata mai la scintilla con il tecnico tedesco dei Blues Thomas Tuchel, che più volte ha rinunciato a schierare in campo l’ex nerazzurro, che è finito in più occasioni addirittura nella lista dei non convocati. A far chiarezza sul futuro del bomber è lo stesso Tuchel. Nella conferenza stampa di presentazione della gara di Premier League tra Chelsea e Wolverhampton,  come riportato da mirror.co.uk, il tecnico ha chiarito che vuole che Romelu Lukaku sia sempre più importante per la sua squadra ed è sicuro che sarà fondamentale per la rosa dei londinesi nella prossima stagione. Al momento, anche per quanto riguarda la situazione burocratica del club, che vive una fase di stallo in attesa che Abramovich esca dalla proprietà, non è prevista alcuna partenza da parte dei giocatori in rosa.

Tornando su Lukaku il tecnico tedesco ha spiegato che per il Chelsea è e resta un giocatore importante. Il fatto che non sia entrato nell’ultima gara contro l’Everton è stato dovuto solo al fatto che aveva esaurito le sostituzioni, che lo ricordiamo in Inghilterra sono 3, in quanto aveva fatto uscire Jorginho nell’intervallo. Tuchel non esclude che domani Lukaku possa partire dal primo minuto.

Ad oggi Big Rom ha segnato appena 5 reti in Premier con all’attivo 23 presenze.


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su