Inter, il dream team di Marotta. Che passione per un ex nerazzurro!

di Diego De Cicco

Inter, Marotta chiarisce molti punti sulla sua carriera. All’interno dell’intervista rilasciata a DAZN l’amministratore delegato dell’Inter non si è tirato indietro a nessuna domanda.

Tra le altre domande gli è stato chiesto del suo periodo alla Juventus e se ci siano state o meno delle frizioni con la dirigenza nel momento dell’acquisto di Cristiano Ronaldo. Marotta ha smentito al 100% che ci siano stati dei contrasti con gli altri dirigenti. Lui anche in quel caso fece un’analisi a 360 gradi di tutto quello che riguardava  l’acquisto del giocatore e espresse le sue opinioni agli altri dirigenti bianconeri, senza però che ci siano state delle rotture.

Tra i big mondiali più volte accostati all’Inter c’è stato il nome di Leo Messi ed è stato chiesto se ci sia stato davvero qualcosa in ambito di mercato. L’amministratore delegato ha risposto che durante la sua gestione, l’Inter non ha mai pensato all’acquisto dell’asso argentino, ma probabilmente qualche gestione passata ha tentato di portarlo a Milano.

A Marotta è stato chiesto poi il suo undici ideale relativo alla sua carriera e il dirigente nerazzurro ha disegnato la sua formazione ideale. Nel suo undici schiererebbe in porta Gigi Buffon, che considera un portiere che ha rappresentato il calcio degli ultimi 20 anni. In difesa metterebbe dei suoi pupilli come Lichsteiner, Luca Pellegrini della Sampdoria campione d’Italia, Chiellini e Maldera.  A centrocampo schiererebbe Pirlo che per lui rappresenta il prototipo di leader silenzioso, a cui non servono le parole ma pochi sguardi, Vidal e Lodetti. In attacco Del Piero, Anastasi di cui ha fatto da raccattapalle in quel di Varese e Alvaro Recoba.

Marotta e il Chino Recoba

Per quanto riguarda il Chino, Marotta lo considera l’acquisto più determinante della sua carriera. Da dirigente del Venezia prese l’attaccante uruguaiano in prestito dall’Inter e grazie a lui i lagunari riuscirono a raggiungere una salvezza che a tutti sembrava impossibile.

A proposito di acquisti e cessioni gli è stato chiesto anche quale ritiene sia stato il miglior colpo di mercato della sua carriera. Marotta senza indugi ha risposto Pogba, un giocatore che riuscì a prendere a parametro zero e a rivendere alla stessa società che lo aveva lasciato andare per 110 milioni. Un fatto praticamente unico nella storia del calcio.

Qui altri aneddoti sull’inizio della sua carriera.


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su