Inter, guarda che attacco! Ma la rivoluzione in estate è possibile

di Michele Brambilla, pubblicato il: 03/05/2022

Inter, l'attacco incanta ma una rivoluzione non è da escludere.

I nerazzurri possono infatti contare sul miglior reparto offensivo del campionato, così come sulla miglior difesa. La situazione paradossale, analizzata da calciomercato.com, è che i ragazzi di Simone Inzaghi non sono padroni del loro destino per quanto riguarda la lotta scudetto. 

I nerazzurri infatti, due lunghezze dietro al Milan di Stefano Pioli e con gli scontri diretti a sfavore (1-1 all'andata, 2-1 per i rossoneri al ritorno), sono costretti a fare il loro e sperare in un passo falso pesante dei cugini, che devono lasciare sul campo almeno 3 punti dei 9 disponibili da qui alla fine. 

Ma se la difesa è costellata di certezze, e verrà integrata dall'arrivo di Onana dall'Ajax, per quanto riguarda l'attacco pare che in dirigenza sia sorto qualche dubbio. 

Sempre secondo quanto sottolineato da calciomercato.com, infatti, i 4 attaccanti nerazzurri hanno realizzato “solo” 38 dei 71 gol complessivi realizzati dalla squadra più prolifica del campionato. Lautaro Martinez ha infatti raggiunto quota 17 gol, inseguito da Dzeko, arrivato a 13. Fermi invece a 4 sia Correa che Alexis Sanchez.

Complici percentuali di realizzazione estremamente basse (tutte sotto al 18%) e un numero di big chances fallite estremamente alto (Lautaro guida questa speciale classifica, Dzeko è al quarto posto), è probabile che il reparto offensivo dell'Inter andrà incontro ad una trasformazione più o meno radicale in estate. 

A Edin Dzeko verrà infatti affiancato un numero 9 di peso, con Scamacca come indiziato principale. Possibile inoltre un sacrificio di Lautaro Martinez a fronte di offerte irrinunciabili per la società, che nel frattempo sta tenendo viva e caldissima la pista Paulo Dybala, in scadenza di contratto con la Juventus.

Per Alexis Sanchez non è da escludere una rescissione di contratto, che sarebbe utile al club per liberarsi del suo ingaggio pesante, mentre Correa, compici i 31 milioni pagati alla Lazio per ingaggiarli, sembra destinato a rimanere. 

Paradossalmente, dunque, il miglior attacco del campionato potrebbe essere smembrato quest'estate in fase di mercato.


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su