GdS - Inter, Pinamonti non è più una semplice plusvalenza

08.06.2019 15:30 di Raffaele Campo   Vedi letture
Fonte: La Gazzetta dello Sport

Uno dei giovani del momento è Andrea Pinamonti, attaccante classe 1999 e reduce dalla stagione in prestito al Frosinone, con cui ha totalizzato 27 presenze e 5 gol. In questo momento è uno dei protagonisti dei Mondiali Under 20 in Polonia con la maglia dell'Italia. Ieri ha realizzato una doppietta al Mali che ha regalato agli azzurrini la semifinale.

Così si legge nel sito de "La Gazzetta dello Sport": "E' l’uomo del momento, il nuovo idolo dei ragazzini. Andrea Pinamonti sta raccogliendo i frutti di una crescita veloce e impressionante, avvenuta però lontano dalla sua Inter: quattro reti al Mondiale Under 20 – due su rigore – che hanno permesso all’Italia di conquistare la seconda semifinale consecutiva, dopo quella centrata in Corea due anni fa. Una leadership impressionante che chiude il cerchio della stagione della consacrazione: 5 reti in 27 partite di A con il Frosinone, al primo vero anno da protagonista nel calcio dei grandi. Perché la stagione prima – con l’Inter di Spalletti – Andrea era stato quasi uno spettatore privilegiato: tre presenze per un totale di appena 32’ in campo. Troppo poco per quello che da tutti era considerato il miglior prodotto del vivaio nerazzurro degli ultimi anni. Pochissimo se rapportato alla fame e la personalità del ragazzo di Cles, che era entrato in pianta stabile in prima squadra dopo aver conquistato lo scudetto Primavera del 2017.

I numeri però raccontano poco di quello che è Andrea fuori dal campo. Ragazzo tranquillo, quasi timido, che cura i particolari: ogni sera, prima di andare a dormire, fa 300 addominali. In dodici mesi ha riscritto probabilmente il suo futuro: un anno fa di questi tempi sembrava il giocatore da sacrificare più di altri alla ricerca dei 40 milioni di plusvalenze per il fair play finanziario, oggi l’Inter non ha alcuna intenzione di venderlo, ma è pronta a ragionare insieme al ragazzo su cosa è meglio fare per la prossima stagione, magari l’ultima da vivere in prestito prima di ritornare ad Appiano e provare a imporsi anche in prima squadra. Intanto Mancini lo segue con attenzione, Di Biagio lo aspetta per l’Europeo U21 e Nicolato si augura possa portare la sua Italia a giocarsi una – inedita – finale mondiale U20. E Pinamonti ha accettato la sfida: uno che ha ammutolito un paese intero – la Polonia – con un cucchiaio, non tremerà proprio adesso, a un passo dalla vetta. L'Ucraina è avvisata: ora guardare l’orizzonte è più bello che mai".