Qatar 2022, Brozo poco “epic”. Gloria per l’ex Nagatomo

di Diego De Cicco, pubblicato il: 23/11/2022

Qatar 2022, continuano le sorprese al Mondiale. Se ieri sera i Campioni in carica della Francia, hanno rimontato il gol iniziale dell’Australia calando un poker, terribile è stato l’esordio della Germania rimontata da un Giappone in versione Holly & Benji.
Ma procediamo con ordine.
Nel match serale di ieri valevole per il Gruppo D la Francia ha battuto l’Australia 4 a 1 con i gol di Rabiot, Giroud, Mbappé e di nuovo Giroud. Partita che ha avuto un solo sussulto dato dal vantaggio iniziale di Goodwin per gli australiani. La Francia si prende così il primo posto del girone a 3 punti seguita da Danimarca e Tunisia a 1 e l’Australia a zero.

Qatar 2022, la Croazia di Brozovic pareggia contro il Marocco di Hakimi. Il Giappone di Nagatomo infligge una pesantissima sconfitta alla Germania.

Nelle partite di oggi si è partiti con un Marocco-Croazia per il Girone F. Tra i balcanici titolatissimo Marcelo Brozovic che però non è riuscito ad accendere i suoi in una partita piuttosto noiosa. Match pieno di ex nerazzurri. Per la Croazia erano in campo oltre a Brozo anche Perisic e Kovacic, mentre nel Marocco ha giocato un certo Hakimi, uno tra i più grandi rimpianti del popolo nerazzurro. Nessuno di loro ha comunque brillato in una partita troppo compassata che si è conclusa con uno scialbo 0 a0 .
Scoppiettante e storica è stata invece la partita delle 14 tra Germania e Giappone valevole per il Gruppo E. Prima della partita c’è da sottolineare il gesto di protesta dei giocatori tedeschi, che al momento della foto di rito si sono messi una mano sulla bocca. Il messaggio è chiaro ed è quello che gli è stato impedito di dire ciò che avrebbero voluto. Per quanto riguarda la partita il match è stato davvero molto intenso con i tedeschi andati in vantaggio su rigore realizzato da Gundogan nel primo tempo. Nella ripresa però il Giappone, dell’indimenticato ex nerazzurro Yuto Nagatomo, si è letteralmente scatenato. Al 75’ ha trovato il pareggio con Doan e all’83’ ha completato la rimonta con il gol di Asano per il 2-1 finale. Risultato storico per gli asiatici che sono letteralmente esplosi di gioia al triplice fischio finale.
Continuano dunque le sorprese in un Mondiale che con i KO di Argentina e Germania inizia a perdere molte certezze.
Eriksen, perché il danese non può giocare in Italia?


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su