ESCLUSIVA ID – Dopo Gosens in arrivo un nuovo colpo. C’è un retroscena

di Candido Baldini

I nerazzurri stanno chiudendo per l'arrivo di Robin Gosens dall'Atalanta.

L'operazione è ai dettagli, e verrà impostata sulla base di un prestito con obbligo di riscatto. L'accordo con il calciatore è totale. Il tedesco prenderà, dalla prossima stagione, il posto di Ivan Perisic, che a giugno sembra aver scelto di partire a parametro zero. Ma non sarà solo questo l'unico colpo della sessione di gennaio. Simone Inzaghi infatti ha chiesto in primis un attaccante, visto che nel reparto al momento sono arruolabili i soli Lautaro Martinez, Alexis Sanchez ed Edin Dzeko. Per rivedere Joaquin Correa bisognerà attendere un mese, ed il calendario di febbraio è proibitivo (Milan, Roma, Napoli, Liverpool).

Per questa ragione Felipe Caicedo dovrebbe arrivare, nei prossimi giorni,  in nerazzurro. L'attaccante è un fedelissimo di Inzaghi, e attualmente milita nel Genoa, ma non sta trovando molto spazio. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione manca solo l'accordo sulla formula con il club ligure. L'ex Lazio infatti ha da tempo un'intesa con l'Inter per il suo approdo a Milano. L'intenzione era quella di portare Caicedo alla corte di Inzaghi già in estate, insieme a Dzeko e Correa. Poi però non se ne fece nulla, e l'ecuadoriano finì al Genoa e tutto venne rimandato a gennaio. Ora i tempi sono maturi, ma per arrivare alla chiusura dell'affare bisognerà trovare la modalità giusta, visto che la dirigenza nerazzurra dovrà spendere zero, e la rescissione contrattuale non sembra più un'opzione percorribile. 

In questo modo il tecnico si ritroverà un attaccante già pronto, visto che conosce a memoria i suoi schemi. Con Inzaghi il giocatore ha trovato molto spazio ai tempi della Lazio, dove ha agito sia da prima che da seconda punta,  e il suo contributo si è visto soprattutto a gara in corso. Molte le reti nei minuti finali, tanto da portare alla coniazione della cosiddetta “Zona Caicedo”.


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su