Mercato Inter, terremoto nella notte: “Eriksen, il futuro è all’Ajax”

di Matteo Gardelli, pubblicato il: 02/11/2021

Mercato Inter, terremoto nella notte: “Eriksen, il futuro è all'Ajax”.

È quanto rilancia il Corriere dello Sport in edicola oggi, martedì 2 novembre. “Non sono questi i giorni della decisione definitiva, ma gli indizi portano a un addio di Christian Erikesn all'Inter a gennaio o nei mesi immediatamente successivi. Magari – scrive Andrea Ramazzotti nel suo articolo – attraverso una risoluzione del contratto o una minusvalenza di bilancio come per Nainggolan e Joao Mario”. Questa notizia è un vero e proprio terremoto per i tifosi nerazzurri che non hanno mai perso la speranza di rivedere il fuoriclasse danese in campo con la maglia dei campioni d'Italia. “Di certo – aggiunge il quotidiano romano – l'orientamento di Eriksen è di continuare a giocare e l'Ajax, la formazione dove è esploso, la soluzione che più lo convince”. Secondo il Corriere dello Sport, l'Inter non riceverà soldi dall'eventuale cessione sul mercato di Eriksen. “Ma – fa notare Andrea Ramazzotti – risparmierà lo stipendio da 7,5 milioni di euro netti a stagione fino al 2024”.

Il quotidiano romano aggiorna poi sulle condizioni di salute del fuoriclasse danese. “È in cura presso i medici che lo hanno seguito fin dall'inizio, ma prima o poi qualche visita a Milano la farà”. Prospettive future? Secondo quanto scritto da Andrea Ramazzotti, le possibilità di togliersi “il defibrillatore cardiaco sembrano comunque pochissime, quasi nulle. Bisognerebbe avere la certezza che l'aritmia era frutto di un virus o di un'infiammazione nel frattempo sparita. Al momento – sottolinea il giornalista nel suo articolo – questa 'assicurazione' pare non esserci. Al momento, lo sottolineiamo”. E proprio il defibrillatore impedirebbe a Eriksen di ottenere l'idoneità sportiva in Italia “mentre in Olanda… – conclude il Corriere dello Sport – All'Ajax andrebbe a parametro zero. Chris è tentato”.   


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su