Gosens Inter, adesso tocca al tedesco. Il dato che impressiona

di Federico Rocca

Gosens Inter, scatta l’ora del tedesco. Dopo la partenza di Ivan Perisic, adesso tocca al laterale ex Atalanta fare su e giù sulla fascia sinistra. Una responsabilità non da niente, vista e considerata la magnifica stagione dell’anno scorso di Perisic; Gosens lo sa e sta lavorando senza sosta per farsi trovare pronto. Inzaghi punta moltissimo su di lui, che non aspetta altro di poter dimostrare il suo valore da titolare, pronto a prendersi l’Inter.

I nerazzurri a gennaio hanno acquistato Gosens dall’Atalanta per 25 milioni di euro, di cui 15 milioni a titolo di acquisto definitivo e 10 milioni di bonus. Un acquisto sicuramente oneroso, ma che ha permesso all’Inter di non soffrire troppo la partenza di Perisic. L’Inter si è cautelato in anticipo, puntando su quello che prima dell’infortunio era in assoluto il miglior laterale sinistro del campionato italiano.

Gosens non vede l’ora di dimostrare il suo valore. Inzaghi ci punta, a lui il compito di sostituire Ivan Perisic

Robin Gosens ha vissuto stagioni straordinarie all’Atalanta, mettendo a referto ben 29 gol e 21 assist, numeri da seconda punta di livello. Le sue prestazioni nei tre anni precedenti lo hanno anche fatto entrare stabilmente nel giro della nazionale tedesca, che ha visto in lui un’arma in più da aggiungere alla già fortissima compagine tedesca. L’anno scorso Gosens ha subito un importante infortunio, che lo ha tenuto fuori dal campo per diversi mesi.

Prima di arrivare in nerazzurro, infatti, Gosens aveva accusato un grave infortunio a fine settembre, che lo aveva tenuto fuori dai campi fino a inizio febbraio, poco tempo dopo il suo arrivo in nerazzurro. Poco spazio per lui l’anno scorso, ma il laterale tedesco è comunque riuscito a siglare il gol del 3-0 contro il Milan in semifinale di Coppa Italia. Ci sono grandi aspettative su di lui per l’anno prossimo, e Robin vuole farsi trovare più pronto che mai.


Dalla stessa categoria

Le prossime partite

La classifica

Condividi su