As Roma 20/05/2018 - campionato di calcio serie A / Lazio-Inter / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Mauro Icardi

(TS) Inter e Juventus si strizzano l’occhio, scambio possibile

Inter e Juventus si strizzano l’occhio

Lo scambio di cui si potrebbe parlare per anni e anni non sembra più così impossibile. Inter e Juventus, oltre i rispettivi tecnici, sembrano già convinti.

Uno scambio come quello che sembra prospettarsi tra Icardi e Higuaìn non si è mai visto nel recente passato del nostro campionato. L’Inter e la Juventus ci pensano, dopo che sia Allegri che Spalletti hanno dato il loro benestare per l’operazione. Le parti non si sono mai incontrate, e non c’è mai stato nemmeno un contatto in merito a questo scambio che, per ora, è ancora pura fantascienza.

Gonzalo Higuaìn è in Russia con l’Argentina, mentre Mauro Icardi è in vacanza con il proprio procuratore, la moglie Wanda Nara. Perché questo scambio possa realizzarsi bisognerà, però, aspettare il rientro del capitano nerazzurro. Fino a quel momento, invece, sarà solo fantamercato. Oltre allo scambio, infatti, ci dovrebbe essere un conguaglio economico da parte della Juventus; per decidere il conguaglio servirà capire quanto entrambe le società valutano i propri attaccanti.

Perché Luciano Spalletti ha dato il suo benestare

Allegri, sin dai primi rumors, aveva dato il suo benestare, vista la sua ammirazione per Mauro Icardi. Ora, invece, sembra esserne convinto anche Luciano Spalletti, nonostante lui preferisca Dzeko.

Il tecnico di Certaldo ha dato il suo benestare per una ragione: se l’Inter dovesse perdere Icardi per una squadra straniera che paga la clausola i nerazzurri si troverebbero con 110 milioni ma con la necessità di acquistare un attaccante in grado di garantire almeno 15-20 gol. Le altre squadre, inoltre, potrebbero alzare le pretese sapendo la disponibilità economica dei nerazzurri.

spalletti

(CdS) Luciano Spalletti chiama al telefono il suo obiettivo

higuain

(Extra Inter) Gonzalo Higuaìn ha scelto il proprio futuro, ecco le parole