Db Torino 22/11/2017 - Champions League / Juventus-Barcellona / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Alex Sandro-Gerard Deulofeu

TS, a gennaio potrebbe arrivare Gerard Deulofeu dal Barcellona

Possibile un clamoroso ritorno a Milano di Deulofeu

L’Inter è alla ricerca di esterni, da Simone Verdi a Federico Chiesa. Un altro nome che si è aggiunto alla lista è quello dell’ex Milan, Gerard Deulofeu.

L’esterno spagnolo è sicuramente un tipo di giocatore che manca alla rosa di Spalletti, dotato di uno scatto devastante. Potrebbe garantire un ricambio importantissimo, sia a gara in corso che dal primo minuto. L’unico difetto dello spagnolo è che a volte si intestardisce con la palla tra i piedi. Sarebbe un rinforzo fondamentale per puntare ai piani alti della classifica. Ecco cosa scrive Tuttosport: “Per gennaio Ausilio sta quindi guardando con grande attenzione al mercato degli scontenti, ovvero tra chi ha necessità di giocare per conquistarsi il Mondiale . E gli occhi del ds nerazzurro sono andati su Gerard Deulofeu che, dopo aver trovato molto spazio a inizio stagione, è rientrato nei ranghi al Barcellona e che (proprio per questo) teme di perdere la convocazione per la Russia. Lo spagnolo in Italia si era trovato benissimo e aveva trascinato il Milan in Europa League grazie a prestazioni scintillanti: per questo sta seriamente pensando di tornare nel nostro Paese per ritrovare quella continuità che al Barça ha già perso da un po’. Il contratto in scadenza nel 2019 ne fa un’occasione (l’Inter potrebbe puntare a un prestito con diritto a una cifra prefissata che permetterebbe al Barça di non perdere il giocatore a zero): su Deulofeu si è già fatto avanti il Napoli – pure lui alla caccia di esterni – ed è sempre più concreta la possibilità che possa scatenarsi un derby. Perché l’Inter, per gennaio, si è messa a caccia di un esterno e lo spagnolo, per caratteristiche, è quanto di meglio può cercare Spalletti“. 

Fonte: Tuttosport

Udinese, Kevin Lasagna ne è convinto: “Inter ti fermiamo così…”

Calciomercato Inter: quando bisogna saper interpretare i segnali