Tronchetti Provera non le manda a dire sull’Inter, ecco la sua intervista

Le dichiarazioni sull’Inter di Tronchetti Provera

Mario Tronchetti Provera, amministratore del gruppo Pirelli, si è esposto ai microfoni di Sky Sport 24, ed ha parlato dell’attuale situazione dell’Inter.

Le parole di Tronchetti Provera

Che idea si è fatto dell’Inter? 

È una squadra che inizia ad avere carattere, non è ancora continua, ma Spalletti ha dato una buon impronta, c’è da ben sperare.

Segnali incoraggianti? 

È presto, ma l’inizio è buono, la strada è giusta.

Icardi biondo?

Non sono un esperto (ride, ndr). È un grande campione.

-Tanti anni per ricostruire una squadra, se lo aspettava?  

Adesso l’importante è avere speranza per il futuro, negli ultimi anni ci sono state delle frustrazioni, adesso sembra ci siano speranze, la squadra respira una speranza diversa.

Allenatori forti all’Inter: Spalletti le ricorda qualcuno di questi? 

Spalletti è un ottimo allenatore, ha carattere, sa tenere lo spogliatoio, è reattivo in campo, ha le sue caratteristiche. Dà fiducia alla squadra e ai tifosi.

L’acquisto da copertina non arrivato, è sorpreso?

Ci sono buoni giocatori, non c’è una star, la squadra gioca bene, può mostrare un buon calcio, i tifosi vogliono vedere questo.

Il suo sogno? Messi rimarrà un sogno? 

Temo sia un sogno che rimarrà nel cassetto. Avendolo visto giocare sabato e ieri sera sembra che diventi ogni anno più bravo, questo il calcio.

Chi solletica la sua fantasia? 

Due che solleticano la fantasia di tutti, Messi e Neymar, poi ci sono altri molto bravi. Non vedo niente di così straordinario come loro.

Chi sarebbe stato titolare nell’Inter del triplete? 

Alcuni lo sarebbero benissimo, la differenza con quella squadra lì è la continuità, la forza dell’Inter del Triplete è stata la continuità, poi c’erano ottimi giocatori, qualche campione, ma un’attenzione che contro ogni squadra rendeva vincente il team.

Acquisti a gennaio? 

Questo sta alla dirigenza, non ho alcuna anticipazione, non le so dire. Colpo alla Ronaldo? Sono un tifoso, non sono solo lo sponsor, andare allo stadio e vedere un campione è quello che ogni tifoso vorrebbe.

Sorpreso che Thohir sia il presidente ancora? 

La società è molto seguita da Steven Zhang che è sempre allo stadio. La società è vicina alla squadra, la proprietà è vicina, l’atmosfera che si respira oggi è diversa.

Papu Gomez? 

È stato un tentativo fallito, è un grande giocatore, in quest’Inter ci sarebbe stato bene.

Ha colmato meglio il gap con la Juventus l’Inter oppure la Ferrari con la Mercedes?

La Ferrari non solo ha colmato il gap con la Mercedes, ma è anche in grado di batterla. L’Inter deve ancora dimostrarlo.

L’Inter in che fila parte nella griglia di partenza? 

L’Inter è già partita, molto bene, ma c’è un gap, oggi può andare sul podio, la Juve è candidata alla vittoria.

Ritorno di Moratti se Thohir andasse via? 

Credo che Moratti abbia dato tutto quello che poteva dare all’Inter, gli rimane tutta la passione, credo sia difficile che ritorni, è un dispiacere, ma è così.

Steven Zhang sta studiando la realtà nerazzurra, imparando la lingua, è lui il futuro dell’Inter? 

Penso di sì, sta dedicando tutta al sua attività all’Inter, è una cosa buona per la squadra e per i tifosi.

Fonte: Sky Sport 24

Cattelan

Alessandro Cattelan: “Spalletti? Un Fenomeno, sono contento che…”

Vergognoso Higuain al Camp Nou