Verso Roma-Inter spalletti

Spalletti sbotta sul rinnovo di Icardi, bordata del tecnico alla società

Il tecnico si espone sul rinnovo di Icardi

La Gazzetta dello Sport, in edicola questa mattina, sottolinea le parole di Luciano Spalletti su Mauro Icardi, anche ieri a secco nella trasferta vincente contro il Parma.

Anche al Tardini sembrava che la palla non volesse entrare, poi il lampo di Lautaro e dopo 366 minuti di astinenza il cammino dell’Inter può ricominciare. Icardi non si è ancora sbloccato, ma Luciano può essere contento per il segno più della partita di Nainggolan e Perisic. «Abbiamo le potenzialità per sopperire alle difficoltà del momento, però dobbiamo sempre mettere le nostre caratteristiche nei contenuti della partita: a volte sembra una cosa banale ma non si riesce a farlo.

Stavolta invece siamo stati ordinati, nel primo tempo non eravamo tranquilli, forse c’era un po’ di insicurezza, abbiamo sbagliato qualche scelta e il Parma ha provato a venire a mordere, ma non è la sua partita e si vedeva. Quando gli dai campo vanno veloce sulle punte. Come perdi una palla e ti trovano i terzini aperti, diventano micidiali: Gervinho sa essere devastante».

Spalletti chiaro su Icardi, messaggio alla società

La rosea evidenzia il caso legato al capitano nerazzurro: Icardi resta a secco per la 7ª partita di fila, il rinnovo del contratto ancora non arriva. Anche in questo caso Spalletti è chiaro: «Le voci su Icardi disturbano il gruppo? Io non gli ho creato nessun problema… Le cose vanno chiarite, perché poi quando si lasciano a metà si lasciano aperte alle interpretazioni.

Qualche discorso di troppo si è fatto, ora è tempo di parlare di queste cose che ci siamo tirati dietro per mesi. Mauro è evidentemente condizionato da alcune situazioni nell’ultimo periodo, deve liberarsi dei discorsi che lo circondano. I direttori hanno accettato di parlare del contratto, ora vadano e lo definiscano».

Fonte: Gazzetta dello Sport

Inter, Curva Nord a rischio chiusura contro la Sampdoria: il motivo

Parma Inter, nerazzurri rilanciati dagli uomini più fischiati