GdS - Per Conte non esistono festività, Inter ai lavori forzati

Antonio Conte non intende fermarsi, anche a ferragosto l'Inter continuerà a lavorare per arrivare pronta alla prima giornata di campionato contro il Lecce.
15.08.2019 09:23 di Luca Leoni Twitter:    Vedi letture
Fonte: La Gazzetta dello Sport

Antonio Conte è sempre stato noto per la professionalità e la voglia di lavorare, tanto e soprattutto nel migliore dei modi. Proprio per questo motivo il tecnico pugliese non intende perdere giorni utili alla preparazione della prima sfida di campionato. Un evento tanto atteso quanto importante, che non si puo' e non si deve sbagliare.

"Oggi, insomma, tutti in campo per la solita doppia seduta: niente gite (si pranza ad Appiano, fra un allenamento e l’altro), niente sconti, niente date rosse sul calendario, se non quella del 26 agosto, primo appuntamento ufficiale della nuova stagione - scrive la Gazzetta dello Sport -. Come ieri, forse più di ieri, sarà un Ferragosto di lavoro, corsa, sudore e tattica: il campionato si avvicina, questa è l’ultima settimana in cui «mettere benzina», come dice il tecnico, prima di provare a definire la condizione in vista del debutto a San Siro, contro il Lecce e di fronte a 50mila spettatori". 

Road to Lecce, gli ultimi giorni di preparazione prima di iniziare a fare sul serio; "In questi 10 giorni prima del debutto il lavoro si concentrerà sui movimenti d’attacco, settore in cui per la prima volta l’allenatore avrà a disposizione due potenziali titolari, il belga e Lautaro, e una delle alternative, Politano. Ora c’è materiale per recuperare un po’ di lavoro rimasto indietro - si legge sulla rosea - . Importante anche avere a disposizione a pieno regime Lazaro e Asamoah, sulla carta i due titolari sugli esterni, anche se in precampionato si sono visti più Candreva e Dalbert. Da lunedì si comincerà a pensare alla prima formazione ufficiale di Conte. Nonostante idee di gioco, filosofia e modulo siano chiare, le certezze sui titolari al momento non sono molte, per infortuni (Godin), rientri posticipati, attese dal mercato e ballottaggi in fascia. Al momento solo Handanovic, De Vrij, Skriniar e Brozovic sembrano sicuri di un posto alla prima. Ma ogni seduta, ogni scatto, ogni allenamento, anche a Ferragosto, può dare indicazioni".