(CdS) Inter, rebus Icardi. E i nerazzurri negano l'esistenza della clausola

Il "Corriere dello Sport" fa il punto sulla situazione di Mauro Icardi sottolineando il rapporto burrascoso dell'argentino col Psg. Futuro incerto
18.03.2020 11:27 di Giovanni Benvenuto   Vedi letture
Fonte: Corriere dello Sport

Il futuro di Mauro Icardi sembrerebbe essere un punto interrogativo: il giocatore, arrivato la scorsa estate al Psg, non sarebbe affatto contento della situazione attuale. Il rapporto ai ferri corti con Tuchel e qualche panchina di troppo hanno fatto venire il mal di pancia a "Maurito", con il club parigino che adesso non sarebbe convinto del riscatto. 70 milioni: questa la cifra da versare nelle casse dell'Inter che al momento non convincerebbe Al-Khelaifi, restio nel'accontentare la richiesta. Non solo: anche il calciatore non sembrerebbe del tutto sicuro di prolungare la sua esperienza nella Ligue 1, ecco perché una separazione sembrerebbe all'orizzonte.

E c'è anche il giallo clausola: secondo quanto riferito dal "Corriere dello Sport" l'Inter non avrebbe confermato la presenza di una clausola nel contratto che consentirebbe a Icardi di opporsi al riscatto. Il club targato Suning continua a sostenere che l'attaccante ha firmato anche per i prossimi anni e che la decisione spetterebbe solamente ai vertici della dirigenza del Parc Des Princes. (quest'ultimo verso la decisione definitiva alla fine di maggio). 

I nerazzurri tifano ovviamente per la permanenza della punta sotto la Tour Eiffel, in modo tale da monetizzare per poi investire nuovamente sul mercato in entrata. Il rientro a pieno regime di Cavani complica la situazione e il mancato affiatamento con l'attuale tecnico del Psg sicuramente è un altro fattore a svantaggio dell'Inter. Tutto rimandato a marzo, nel frattempo da Milano negano l'esistenza della clausola. Adesso palla ai parigini e soprattutto al calciatore.