Mourinho: “Non finirò al Chelsea, tornerei all’Inter”

L'allenatore dell'Inter Jose Mourinho festeggia la vittora della finale di Champions League ieri sera al Bernabeu di Madrid. DANIEL DAL ZENNARO

L’attuale tecnico del Chelsea, José Mourinho, è rimasto nel cuore dei nerazzurri ed i nerazzurri sono rimasti nel suo. L’ex nerazzurro, intervenuto ad un appuntamento editoriale per presentare il suo libro, ha parlato anche del suo trascorso all’Inter.

Ogni squadra dove sono stato è un capitolo. All’Inter sono stati due anni speciali contante emozioni concentrate in un brevissimo periodo di tempo. E’ un capitolo che è finito in maniera straordinaria, un po’ come al Porto, anzi anche meglio. Sono andato a Milano perché Moratti, la società e tutti gli interisti avevano un sogno e lo hanno avuto per quasi 50 anni, per cui forse la prima immagine del capitolo era l’inizio del sogno, l’ultima era un arriverderci ma ce l’abbiamo fatta. Per cui sì, l’Inter per me è stata davvero speciale.

Tornerò? Non lo so. Se potessi è difficile da dire, perché se adesso mi chiedessi per quanti anni allenerò direi altri 15, quindi direi che sono più o meno in mezzo alla mia carriera: ho allenato 15 anni e magari ne ho altri quindici davanti. Finirei a 67 anni, quindi penso di sì, sarebbe accettabile farne altri 15. Posso stare altri 15 anni al Chelsea? Non credo, non credo che il calcio moderno lo permetta, quindi non credo che finirò la mia carriera al Chelsea. Mi piacerebbe ma non credo sia possibile. Per cui, tornare all’Inter? Perchè no?”