Mancini ai microfoni di Sky : “Meritavamo di vincere”

Queste le parole di mister Mancini al termine della partita tra Inter e Torino; nerazzurri beffati al 94′ da un colpo di testa di Moretti :

“Per la prestazione sono contento, la squadra ha giocato e ha fatto quello che doveva fare. Possesso palla buono fino al limite dell’area, da lì ci siamo persi. Mai attaccato la profondità, ma per il resto la squadra deve fare questo. Poi il calcio è crudele, è così, questo è il calcio. La strada da seguire è quella però, non deve cambiare. La partita di oggi è crudeltà sì, anche se sicuramente abbiamo dormito sul gol. Primo, non si offre un calcio d’angolo così, in due contro uno. E poi abbiamo marcato proprio male, Moretti era solo e non lo marcava nessuno. E’ crudeltà perchè l’Inter non meritava nè di perdere nè di pareggiare, loro si sono difesi con tutti gli uomini e noi siamo sempre rimasti nella loro metacampo. Costruito poco perchè è negli ultimi 20-25 metri che deve venire fuori la qualità. Gli attaccanti si sono mossi poco, così non va bene. Sono dispiaciuto perchè il calcio è pieno di queste partite in cui meriti di vincere e all’ultimo secondo concedi il gol. Ma la strada è questa”

Terzo posto? Una partita rapprime, iniziare bene sarebbe stato importante. Ora non possiamo far niente, solo rimboccarci le maniche e pensare a raggiungerlo”

Podolski? Gli automatismi si stanno trovando, oggi avevamo solo lui di nuovo. Sfortunati sugli infortuni, con due cambi obbligati non puoi provare a fare altro nel corso della gara. Podolski non mi ha soddisfatto così come tutti gli attaccanti negli ultimi 20 metri, si devono muovere di più, tutti quanti. Negli ultimi metri c’è da tirare fuori qualcosa, è lì che bisogna migliorare. Per il resto la squadra c’è, le ultime due partite sono state le migliori secondo me”

Shaqiri? Non ha giocato dall’inizio perchè aveva giocato 80 minuti in coppa e ha solo 5-6 allenamenti nelle gambe. C’è il rischio di infortuni, ho pensato di metterlo dopo perchè poteva essere più incisivo. Lui può cambiare le cose e fare la differenza, ma lo possono fare anche Icardi, Palacio, Podolski, Kovacic. Negli ultimi metri ci vuole di più”

Brozovic? Perchè un altro trequartista? Da mediani Guarin e Kuz hanno giocato molto bene oggi. Kuz terzino per stare molto sbilanciati, volevo provarlo durante la partita. Brozovic può giocare a due o a tre senza problemi, è giovane ed ha grandi qualità”

Fonte: fcinter1908.it

Inter – Torino, nerazzurri beffati al 94esimo

Donkor non delude : buono il suo esordio