Intervista Handanovic: “E’ ora di battere Gigi e la Juve”

Samir Handanovic era ad un passo dal lasciare i nerazzurri, quando la società promise di rinforzare la squadra, come poi è avvenuto in estate. Ma il numero 1 dell’Inter non vuole guardare al passato, ha voglia di battere il rivale di ruolo Gigi Buffon e sfatare il tabù Juve contro cui non ha mai vinto. Il Corriere dello Sport lo ha intervistato alla Pinetina. Ecco l’intervista integrale.

Handanovic, come giudica l’inizio di stagione dell’Inter?

“Buono. Abbiamo i punti “giusti”, quelli che abbiamo meritato, ma potevano anche essere di più”.

Non crede che siete andati oltre le attese conquistandone 16 in 7 giornate?

“No. Le nostre aspettative erano queste, anzi speravamo di vincerle tutte e sette. Quello che pensavano gli altri non lo so”.

Questa Inter è da scudetto oppure è più giusto pensare solo alla Champions League?

“Noi dobbiamo puntare in alto. Il campionato è equilibrato e ci sono 4-5 squadre che possono lottare per il titolo”.

Qual è la sua favorita?

“Gli ultimi 4 scudetti li ha vinti la Juve e credo che rimanga la favorita anche se ora è dietro in classifica”.

Come spiega l’inizio in salita dei bianconeri?

“Dopo le partenze di Pirlo, Tevez e Vidal, tre colonne portanti del gruppo, era lecito pensare che certe difficoltà fossero normali, ma vedere i bianconeri a 9 punti dopo 7 gare mi ha comunque sorpreso un po’. Il campionato però è lungo e può succedere di tutto”.

L’ultima volta lei ha battuto la Juventus nel novembre 2012, 3-1 a Torino con Stramaccioni in panchina. E’ arrivato il momento di spezzare il tabù?

“Spero di sì, ma nel derby d’Italia è impossibile fare pronostici”.

Quale giocatore toglierebbe ad Allegri?

“La Juve ha tanti campioni e in partite così è meglio che tutte e due le squadre giochino al completo. Lo spettacolo è più avvincente”.

9 settembre 2006, prima giornata di Serie B, Rimini – Juve 1-1. Cosa ricorda?

“Fu il mio esordio con il Rimini e c’era un grande entusiasmo perché per la prima volta la Juventus giocava a Rimini. Facemmo una grande gara e nel finale sfiorammo la vittoria con Mauri. In porta però loro avevano Buffon e finì in parità”.

Buffon escluso dalla lista dei candidati al Pallone d’Oro: un’ingiustizia o un errore?

“Un errore”.

Gigi è ancora uno dei primi 5 portieri al mondo?

“Sì”.

E’ vero che da piccolo lui era uno dei suoi idoli?

“Lo guardavo e lo ammiravo”.

Cosa ammirava in particolare di Buffon?

“Rischiava e usciva sempre, sia sulle palle basse che su quelle alte. Ha imposto una nuova filosofia al ruolo”.

All’età di Buffon lei dove sarà?

“In porta come lui”.

Buffon riuscirà a durare fino ai Mondiali del 2018?

“Lo sa solo lui”.

Torniamo al campionato: qual è la sorpresa delle prime 7 giornate?

“Il Chievo, la vera mina vagante del torneo. Poteva anche essere primo in classifica se non avessero annullato il gol del 2 0 di Cesar contro la Juventus e se l’arbitro avesse visto il fuorigioco sulla rete del Verona (di Pisano, ndr) nel derby”.

Cosa è cambiato rispetto allo scorso anno all’interno dell’Inter?

“Tanti giocatori. La “confidenza” poi è diversa quando vinci e i risultati creano un’atmosfera più positiva”.

Questa Inter è più forte di quella del 2014-15?

“Sì, senza dubbio”.

Come ha fatto Mancini a “trasformare” la squadra?

“Ha portato tante cose importanti perché i risultati non arrivano da un giorno all’altro, per caso. Mancini ha trasmesso la giusta mentalità e ci ha fatto capire cosa significa giocare per l’Inter”.

Lei però lo sapeva già…

“Sì, lo sapevo. Da quando sono arrivato ad oggi però sono cambiati giocatori, allenatori e tante altre cose. non dico che prima ci fosse confusione, ma quasi. Adesso siamo sulla strada giusta”.

Dove porterà questa strada?

“Vedremo… Il campionato è appena iniziato e i risultati diranno dove arriveremo”.

Quali errori della scorsa stagione l’Inter non deve ripetere per togliersi delle soddisfazioni?

“Non deve più guardare al passato”.

Perchèéadesso, a parte la gara con la Fiorentina, la fase difensiva funziona meglio?

“Perché siamo più compatti e ci difendiamo tutti insieme. Dobbiamo continuare così perché in Italia storicamente vince lo scudetto la squadre che subisce meno gol”.

Voi finora avete mantenuto la vostra porta inviolata quattro volte su sette. Diventerà un’abitudine?

“Deve diventare un’abitudine. Così prendono tutti più fiducia”.

Ha rammarichi se ripensa alla sconfitta con la Fiorentina?

“Certo che li ho, ma ormai è una partita passata. Abbiamo perso e io mi prendo tutte le responsabilità perché ho sbagliato la gara. Ripeto, ripensare al passato non serve. Come quando fai bene, anche quando fai male devi dimenticare”.

Ha rivisto le immagini dei gol dei viola?

“Non ho bisogno di rivederle perché un giocatore sa quando sbaglia o fa bene senza immagini televisive”.

Quanto è stato importante per lei tornare ai suoi livelli già dal match successivo con la Sampdoria?

“Quello del portiere è un ruolo particolare e bisogna resettare subito la testa. Non siamo dei robot, ma andare avanti come se non fosse successo niente è fondamentale. Non sei più scarso o più bravo dopo una singola partita. Bisogna pensare a lungo termine ed è necessario che i compagni sentano sempre fiducia in te”.

A livello personale cosa si aspetta Handanovic da questa stagione?

“Voglio dare il mio contributo per raggiungere con la squadra un traguardo importante”.

Perché ha deciso di restare all’Inter dopo un’estate con molte voci di mercato sia su di lei sia sui suoi possibili sostituti?

“Le voci di mercato sono normali in questo mondo. La verità è che con la società c’è sempre stata chiarezza. Il mio unico pensiero era quello di restare  se la squadra fosse stata competitiva, in più non sono arrivate offerte concrete da formazioni migliori, anche perché al mondo i club più attraenti dell’Inter sono 3 o 4… L’importante adesso è lottare per qualcosa di davvero importante”.

La mossa successiva alla permanenza a Milano è stato il rinnovo del contratto, nonostante l’Inter non giochi in Champions League.

“L’ho fatto perché la Champions la conquisteremo”.

Quanto le è mancata in questi anni la Champions?

“Non l’ho mai disputata ed è un mio obiettivo giocarla dopo che con l’Udinese siamo stati eliminati ai playoff (nel 2011-12 per mano dell’Arsenal, ndr) e la stagione successiva mi sono trasferito all’Inter a luglio (bianconeri ancora fuori ai playoff contro il Braga, ndr)”.

A proposito di play off, è pronto per disputare quelli per l’accesso a Euro 2016? Chi vorrebbe evitare?

“Tutte le quattro possibili avversarie sono sullo stesso livello. La più forte per me è la Bosnia e contro di loro sarebbe una partita particolare vista la vicinanza e la storia. Nel calcio però non si può mai dire vorrei evitare questa o quella formazione”.

A chi darebbe il Pallone d’Oro… dei portieri?

“A Neuer perché ha stravolto il ruolo. Gioca molto “alto” e rischia quello che altri non rischiano perché è bravo, ma anche perché gioca al Bayern, una squadra che ha sempre il pallone e il baricentro è più spostato in avanti rispetto alle avversarie”.

Altri estremi difensori che le piacciono?

Lloris.

E Courtois?

“E’ forte, ma ora è infortunato”.

Ha notato che non le abbiamo fatto una domanda sulla sua abilità nel parare i rigori?

“(Sorride) Non avrei risposto…”.

 

Inter Dipendenza è fonte ufficiale di Google News. Rimani aggiornato, seguici qui

Calciopoli, Gazzoni chiede 100 milioni di risarcimento alla Juve

klopp-ranocchia

Liverpool, Klopp vuole un interista già a gennaio