[ESCLUSIVO] Gianluca Impastato a ID : “Ljajic una risorsa”

Gianluca Impastato
Gianluca Impastato

Inter Dipendenza ha avuto il piacere di intervistare Gianluca Impastato, attore e comico di Colorado di fede interista, dalla prossima settimana autore di una nuova rubrica su ID. Nel ringraziarlo vi lasciamo alla lettura dell’intervista, dandovi appuntamento al primo pezzo di Gianluca, a commento del derby d’Italia della prossima settimana.

Grazie Gianluca, e anzitutto un benvenuto su ID a nome di tutti i ragazzi della Redazione. Ecco la prima domanda : Come nasce la tua passione per l’Inter?
“Ciao Salvatore ! La mia passione nasce fin da piccolo, e ha un momento preciso : lo scudetto del 79/80 con Bersellini, ero piccolissimo e mio padre mi disse : andiamo in centro a festeggiare ! Da quel momento mi sentii interista , come tutta la mia famiglia d’altronde!”

In assoluto, qual è il giocatore dell’Inter che hai amato di più?
“Il giocatore che ho più amato è senza dubbio Paul Ince, un temperamento incredibile abbinato a piedi buoni e fisico da gladiatore, un giocatore che anche oggi sarebbe titolarissimo nell’Inter, poi il Ronaldo del 97/98, quando, partiva palla al piede tutto lo stadio si alzava in piedi e cominciava a rumoreggiare…. emozioni uniche che nessun altro giocatore mi ha più provocato (forse l’Adriano del 04/05)”.

Prima, durante le partite, hai dei rituali “scaramantici”, abitudini particolari?
“Non sono scaramantico e non ho abitudini particolari, tutto ciò che facevo regolarmente prima delle partite ha smesso di esistere dopo il 5 maggio”.

Domanda secca e un pochino cattivella : peggio Juve o peggio Milan?
“Ora come ora la Juve, il Milan fa tenerezza.”

Andiamo all’attualità  : la nuova Inter di Mancini ti convince pienamente? Pensi possa competere per il titolo o vedi altre squadre favorite?
“Questo campionato si risolverà all’ultima giornata e credo che l’Inter possa lottare per il titolo a patto che cambi qualcosa … Perisic è un’ala e non un trequartista, Jovetic è fondamentale ma speriamo che non si infortuni, Ljajic è una risorsa e non un peso, va valorizzato e farei fare un corso sulla concentrazione a Handanovic!”

Credi serva ancora qualche innesto e, se si, in che reparto?
“Più che innesti serve trovare l’amalgama giusta, se non la trovi allora compriamo Messi o Cristiano Ronaldo. La rosa è buonissima”.

Un classico delle nostre interviste : prova ad immaginare la classifica a fine campionato. Quali le prime 3?
“Ad oggi direi in ordine sparso Napoli, Fiorentina e Inter ma non sottovaluterei la Lazio….Roma e Juve non mi convincono e hanno la champions, il Milan ha lacune importanti….”

Veniamo al tuo ingresso nella squadra di Inter Dipendenza. Premesso che ne siamo tutti felici ed orgogliosi, la domanda sorge spontanea : come  mai hai scelto un gruppo come il nostro,  un sito appena nato (ma con tanta voglia di crescere!), per rivelare a tutti il tuo amore per l’Inter?
“Ho scelto ID perché mi piace crescere insieme a voi , è una sfida affascinante e poi ho tanti amici interisti a cui mi piacerebbe dare voce!”

Ultima domanda, vuoi svelare ai lettori il nome della tua rubrica?
“Si chiamerà L’INTER-nato.”