Shakhtar-Inter, parla Conte: "Niente paragoni con la gara di agosto"

Antonio Conte in conferenza alla vigilia della sfida di Champions contro lo Shakhtar: "Loro molto forti ma vogliamo giocarci le nostre armi".
26.10.2020 18:51 di Antonio Russo   Vedi letture
Fonte: InterDipendenza.net

Consueta conferenza stampa della vigilia per Antonio Conte, la cui Inter domani sera affronterà a Kiev lo Shakhtar Donetsk, nella gara valida per la seconda giornata della fase a gironi della Champions League. Di seguito le parole del mister:

Cosa pensa della coppia Lukaku-Lautaro?

"Romelu e Lauti sono ancora giovani e hanno davanti a loro un bel percorso da fare; sono convinto che hanno ancora dei margini di miglioramento per diventare ancora più importanti per la squadra. Per loro sarà importante anche vincere qualcosa: vincere ti porta a ritagliarti quel posto tra i migliori."

Ci saranno differenze con la gara di agosto contro lo Shakhtar?

"Quella di agosto è stata una partita perfetta da parte nostra, quindi non penso di possano fare dei paragoni. Sicuramente dovremo ripetere una partita molto attenta perché lo Shakhtar è forte, con tanti giocatori bravi nel palleggio e veloci nelle ripartenze. D'altronde non si fanno tre gol al Real Madrid per caso. Speriamo di fare una buona gara e di ripetere quello che abbiamo provato in allenamento."

Come gioco, l'Inter adesso è più europea? La gara di domani è decisiva?

"Credo che l'Inter stia tornando nella sua dimensione a livello europeo, e il buon percorso dell'anno scorso ci ha portato maggiore esperienza. Dobbiamo continuare con questa mentalità, con la voglia di fare la partita: a volte ci riesce meglio di altre, ma non deve mai mancare la mentalità. La squadra deve essere sempre pronta ad aggredire gli avversari. Gara decisiva? Lo Shakhtar ha vinto contro il Real, e questo ha cambiato la classifica. Per passare il turno dovremo essere bravi."

Ha visto le partite dello Shakhtar?

"Abbiamo visto le loro partite e sicuramente loro avranno visto le nostre. Lo Shakhtar è una realtà del calcio europeo, complimenti a loro perché riescono a trovare sempre dei giocatori molto forti. Abbiamo grandissimo rispetto ma vogliamo giocarci le nostre armi."