Nuovo stadio Inter - A breve il responso, è testa a testa

E' sfida a due tra gli studi di architettura Populous e Manica-Cmr, ed Entro il 10 ottobre il sindaco Beppe Sala dovrà pronunciarsi, scrive la Gazzetta.
12.09.2019 16:09 di Luca Leoni Twitter:    Vedi letture
Fonte: La Gazzetta dello Sport

Inter e Milan si preparano a costruire un nuovo stadio, all'altezza dei più grandi club del mondo. L'impianto sarà super tecnologico e fornirà tutti i servizi necessari per godere al massimo l'evento sportivo e non solo. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, sono due gli studi pronti a darsi battaglia per la costruzione del nuovo San Siro.

E' sfida a due tra gli studi di architettura Populous e Manica-Cmr: “Populous, che fa base a Kansas City ma ha sedi in tutto il mondo (da Dubai a Sydney) vanta oltre 35 anni di esperienza e più di 3.000 progetti. Il già citato Wembley resta uno dei «trofei» più luccicanti in bacheca, gli altri fiori all’occhiello in campo calcistico sono l’Emirates di Londra, il Da Luz di Lisbona, ricostruito per l’Europeo 2004 e il Soccer City di Johannesburg, teatro della finale mondiale a Sudafrica 2010. Il vero gioiello resta però il nuovo stadio del Tottenham, inaugurato ad aprile e già diventato un punto di riferimento nel settore: campo di calcio retrattile che permette di ospitare i match di Nfl in Europa, acustica studiata per ricreare l’ambiente del vecchio White Hart Lane e un colpo d’occhio esterno che lascia a bocca aperta - scrive la rosea -. La collaborazione tra lo studio Manica e Progetto Cmr ha una storia molto più recente, anche se lo studio milanese fondato 25 anni fa da Massimo Roj è leader nel settore della progettazione integrata e si è affermato oltre i nostri confini, con sedi e riconoscimenti anche in Cina. Insieme, Cmr e Manica hanno ideato i concept per la futura Cagliari Arena, che sostituirà la temporanea Sardegna Arena, e per il nuovo stadio di Padova. Secondo gli esperti Populous è in netto vantaggio sui «rivali», anche se fonti vicine ai club parlano di partita ancora piuttosto equilibrata“.

A breve arriverà anche il responso, scrive la Gazzetta, infatti “Palazzo Marino aveva 90 giorni di tempo per pronunciarsi sulla domanda di dichiarazione di pubblico interesse presentata dai club – l’iter per la costruzione dello stadio che sostituirà San Siro potrà proseguire solo in caso di risposta affermativa – e il tempo sta per scadere. Entro il 10 ottobre il sindaco Beppe Sala dovrà pronunciarsi, e anche per questo di recente ha invitato le due società a condividere i progetti con i cittadini: Milan e Inter hanno raccolto l’assist pianificando per il 24 settembre il giorno in cui i progetti saranno svelati al pubblico. D’altra parte, in ballo non c’è solo il futuro di un simbolo come il Meazza ma anche tutto quello che intorno al nuovo impianto nascerà: un distretto urbano con aree verdi e zone destinate all’intrattenimento e allo shopping, per un investimento complessivo di 1,2 miliardi. Su questo e sugli altri requisiti più strettamente legati alla struttura – nessuna barriera architettonica per garantire accessibilità totale, uso esteso di energie alternative e riduzione dell’inquinamento acustico di almeno il 40% rispetto alla situazione attuale – hanno lavorato gli architetti di Populous e di Manica-Cmr“.