Mercato: numeri a sorpresa, l'Inter ha un vantaggio enorme sulla Juventus

Uno studio molto dettagliato del sito CalcioeFinanza.it analizza i numeri dell'Inter dopo l'acquisto di Lukaku. La sorpresa è grande
08.08.2019 21:55 di Mario Spolverini   Vedi letture
Fonte: CalcioeFinanza.it

Il sito Calcio e Finanza.it propone una dettagliata analisi dei conti del mercato nerazzurro rispetto ai vincoli di bilancio, monitorando l’impatto degli ultimi acquisti per verificare i margini di investimento che ancora rimangono allo staff interista. Lo studio parte da una base condivisa da molti top club europei, ovvero il rapporto tra il costo della rosa ed i ricavi. Da un lato dunque stipendi, ammortamenti, costi dei prestiti, dall’altro le entrate del club.

Il rapporto, per essere positivo deve essere compreso in un range tra il 50 ed il 70%. Ovvero, se il costo della squadra arriva a sfiorare il 70% dei ricavi caratteristici, comprese dunque le plusvalenze, si accende un alert che consiglierà di vendere per alleggerire stipendi e ammortamenti, mentre una soglia vicina al 50% sarà indice di costi della rosa estremamente sostenibili.

Secondo  gli autori dello studio, il rapporto al 30 giugno 2019 dovrebbe essere ottimo, essendo pari al 47% quale risultato dei 198,2 milioni del costo dei giocatori e di 417 milioni di ricavi attesi.

 Dopo il 30 giugno, l’Inter ha  ceduto (a vario titolo)  Nainggolan, Karamoh e  Puscas e  risolto il contratto con Joao Miranda.  “Se il mercato chiudesse alla data dell’8 agosto 2019, il costo della rosa dell’Inter per la stagione 2019-2020, inteso come somma di stipendi lordi, ammortamenti e costo dei giocatori in prestito, sarebbe di 237 milioni, in crescita di circa 40 milioni rispetto ai 198,2 milioni della stagione 2018-2019.” E dunque “sulla base delle operazioni di mercato effettuate finora il rapporto tra costo della rosa e ricavi sarebbe pertanto del 57%. Un dato in peggioramento rispetto al 47% della stagione 2018-2019 ma ancora decisamente all’interno della soglia, considerata virtuosa, del 70%.

Solo per citare un confronto, lo stesso sito ha riportato lo scorso 6 agosto i dati analoghi della Juventus dopo la plusvalenza rilevata con la cessione  di Cancelo: ebbene il rapporto del club Campione d'Italia dice 75%, ben oltre la soglia di attenzione. Da qui la necessità di realizzare plusvalenze con  altre cessioni (Dybala e Rugani su tutti).

A differenza della Juventus, dunque l’Inter avrebbe davanti a sé un margine di manovra sul mercato di tutto rilevo, anche se occorre avere sempre un occhio di riguardo ai numeri anche in ottica FFP. Da qualunque parte la si legga, l’eventuale cessione di Icardi offrirebbe ulteriore spazio per andare a realizzare ulteriori investimenti.