Lo United perderà la scommessa Lukaku, “c’è qualcosa di marcio a Manchester”

Il giornalista inglese James Horncastle analizza in maniera molto precisa l'ambiente dello United e le condizioni in cui è maturata la cessione di Lukaku
12.09.2019 21:55 di Mario Spolverini   Vedi letture
Fonte: Rivista Undici

Dopo che l’Inter aveva concluso il trasferimento di Lukaku, a Manchester erano fioccate battute pesanti, sull’attaccante belga. Paul Scholes aveva detto: «Non voglio mancargli di rispetto, ma ha un pessimo controllo di palla». Gary Neville  twittò ancor più acido: «Ha ammesso di essere sovrappeso! Pesa più di 100 chili! È un giocatore del Manchester United! All’Inter forse farà bene e segnerà dei gol, ma la mancanza di professionalità è contagiosa».

Un interessante articolo del giornalista inglese James Horncastle pubblicato su “Rivista Undici”, esprime il dubbio che in Inghilterra abbiano sottovalutato la scommessa di Conte e Marotta su Lukaku. Ed a conforto della sua tesi, Horncastle porta una riflessione decisamente non banale. “Negli ultimi tempi, quand’è stata l’ultima volta che il Manchester United ha avuto ragione su qualcosa? La struttura del club e l’ambiente hanno dato vita a un posto in cui i giocatori non fanno passi avanti, ma indietro”.

Gli esempi citati dal giornalista sono Falcao e Blind che hanno vinto campionati  e raggiunto le semifinali di Champions, Di Maria, sempre sopra i 10 gol da quando è a Parigi, “nessuno di loro è rimasto il giocatore che sembrava allo United"  Jadon Sancho e Christian Eriksen hanno preferito restare al Borussia e al Tottenham nonostante le offerte sontuose dei Red Devils, Pogba non perde occasione per ribadire la sua volontà di cambiare aria.

C’è qualcosa di marcio a Manchester” chiosa amaramente l’autore, la colpa è stata data ai giocatori ma in società “mancano coerenza e idee chiare”.

E infine un grande riconoscimento per Conte : “Conosciamo le sue priorità: la persona è più importante del calciatore. Se un vincente come Conte è intenzionato a spostare mari e monti per Romelu Lukaku (fece lo stesso al Chelsea), ci penserei due volte prima di venderlo, se fossi lo United. Mi chiederei: cos’è che mi sto perdendo? C’è qualcosa che non riesco a vedere? Lo United pensa probabilmente di aver fatto la scelta giusta. Ma quando si tratta di scommesse calcistiche, mi fiderei di più di Beppe Marotta.