L’Inter e la Cina: la Via della Seta di Jack Ma, dalla "birra" ai miliardi

02.03.2021 11:00 di Nicolò Toccaceli   Vedi letture

In casa Inter sono imminenti grandi cambiamenti in società, ed in particolare per quanto concerne la proprietà del club. Dopo l’annuncio di Suning sulla cessazione immediata delle azioni riguardanti lo Jangsu, club di proprietà del colosso cinese, la stessa holding asiatica ha comunicato che il 20-25% del capitale sarà trasferito con un cambio del controllo che oggi per poco più del 50% fa capo alla famiglia Zhang. Dietro queste operazioni in molti pensano possa esserci la figura di Jack Ma e di Alibaba.

La carriera di Jack Ma iniziò da tutt’altro, lavorando come traduttore e professore di inglese all'università, percependo uno stipendio mensile dell’equivalente di soli circa 15 euro. Nel 1995 ebbe l'occasione di conoscere Internet per la prima volta, presso un convegno commerciale a Seattle in cui Jack faceva l’interprete; digitando la parola... “birra” e scoprendo informazioni su tutte le birre del mondo tranne che quelle del suo paese, decise di aprire un sito sulla Cina (China Yellowpages) con alcuni amici.

Nel 1998 riuscì ad aprire Alibaba.com grazie a 60.000 dollari raccolti con alcuni amici, fatto che lo portò poi a fondare Alibaba Group. Di lì a poco l’azienda di Ma riuscì a raccogliere la bellezza di 25 milioni di dollari da alcune banche ed istituti di credito. Un’impennata incredibile, tanto da arrivare nel 2005 ad assumere il controllo di Yahoo! China, primo step per una collaborazione con Yahoo!.

L’imprenditorialità di Jack Ma assunse poi un profilo sempre più internazionale, consentendo al mercato cinese di avere rapporti commerciali online con tutto il globo. Oggi Alibaba è un colosso che dà lavoro a 50.000 persone ed è il principale rivale di Amazon.

Jack Ma possiede già un 20% di quote di Suning tramite il sito e-commerce Taobao, controllato in maniera diretta da Alibaba. Secondo i recenti aggiornamenti, il patrimonio del magnate cinese ammonta a circa 40 miliardi di dollari: diventa possibile a questo punto immaginarlo come uno dei principali profili idonei a divenire il nuovo proprietario dell’Inter.

Dalle traduzioni alle cattedre universitarie, fino ai miliardi: ecco a voi l’uomo che potrebbe prendere il controllo del capitale di Suning e dell’F.c. Internazionale.