Inter-Lugano, le cinque cose da osservare nel match

Alle 17 ad Appiano Gentile prima uscita stagionale per l'Inter contro gli svizzeri del Lugano. Qui vediamo cosa e chi osservare con attenzione.
15.09.2020 13:00 di Federico Cimolai   Vedi letture
Fonte: La Gazzetta dello Sport

Niente tourneè, il tempo stringe e non c'è tempo per fare molte prove. Tre test amichevoli per l'Inter in una settimana prima del debutto in Serie A sbato 26 settembre alle 20.45 contro la Fiorentina a San Siro. Il primo impegno dei tre previsti è quello previsto per oggi alle ore 17.00 contro gli svizzeri del Lugano ad Appiano Gentile (diretta Sky e in streaming su Inter.it). Molti i motivi di attenzione, qui ne segnaliamo cinque.

1-HAKIMI, perchè è il debutto in nerazzurro del laterale destro marocchino, principale acquisto di questa sessione di mercato dei nerazzurri. E' il giocatore più riposato ed allenato avendo finito prima la stagione con il Borussia Dortmund e avendo iniziato quasi una settimana prima dei compagni la preparazione alla Pinetina. Vedremo se sarà già inserito negli schemi di Conte e come si comporterà.

2-I PROTAGONISTI DEL19/20, naturalmente alla mente vengono Lukaku e Lautaro, coppia ormai perfettamente rodata, ma che dovrà saper ancora migliorarsi in termini realizzativi (cosa non facile) e per essere meno prevedibile, visto che i difensori avversari cominciano a conoscere bene i loro movimenti. Curiosità per Stefano Sensi. Un anno fa un avvio sprint, poi i tanti infortuni. Che Sensi rivedremo?

3-NAINGGOLAN E PERISIC, sono gli osservati speciali. Rispetto ad un anno fa saranno valutati, specie se non arriveranno vere offerte. Nainggolan deve dimostrare il suo stato di forma, per il croato sarà interessante vedere in che ruolo verrà utilizzato. Negli ultimi allenamenti è stato provato a tutta fascia sulla sinistra, ruolo in cui è stato bocciato un anno fa.

4-KOLAROV, perchè sulla carta è il vice-Bastoni. Sarà molto interessante vedere come cambieranno i movimenti e l'impostazione con il serbo in quel ruolo.

5-ERIKSEN, che spazio avrà? Titolare o subentrante? Al momento sembra più la seconda opzione, vedremo già questa sera minutaggio, ruolo, inserimento ed impatto sugli equilibri. Una risorsa tutta da scoprire ancora, vedremo se Conte si ricrederà sul centrocampista danese.