Inter, De Zerbi promette battaglia domani: le parole del tecnico Shakhtar

L'ex Sassuolo è stato molto chiaro in conferenza stampa ed ha voluto sottolineare come la sua squadra dovrà ambire al massimo
23.11.2021 23:00 di Gianfranco Rotondo   vedi letture

Inter, Roberto De Zerbi parla in conferenza prima della partita contro la squadra nerazzurra.

L'allenatore dello Shakhtar Donetsk è all'ultima spiaggia per quanto riguarda la possibilità di coltivare le proprie speranze di qualificazione agli ottavi di finale di Champions League e dovrà giocare una partita offensiva se vuole impensierire la squadra di Simone Inzaghi. De Zerbi non si fida dell'Inter e sa che domani sarà una partita complicata, ma è anche determinato perchè, per sua stessa ammissione, l'obiettivo è quello di potersi qualificare almeno per l'Europa League e per farlo annuncia battaglia sia ai nerazzurri che al Real Madrid. Il tecnico italiano ha anche parlato di alcune assenze importanti per il suo Shakhtar, visto che mancheranno Alan Patrick e Ismaily ed è ancora in dubbio Stepanenko.

Poi l'analisi sugli avversari, che per l'ex Sassuolo costituiscono un avversario molto forte e lo hanno dimostrato anche nella partita contro il Napoli, riuscendo a ribaltare il risultato con l'organizzazione e con il gioco, oltre ad una consapevolezza data dalla vittoria dello scudetto. Rispetto alla squadra della passata stagione, allenata da Antonio Conte, il tecnico si è detto molto sorpreso da quello che sta facendo Inzaghi perchè mantenere certi standard è sempre molto complicato e l'Inter, che nonostante quanto accaduto questa estate, è stata costruita bene, ci sta riuscendo.

Insomma, consapevolezza della forza dell'avversario, ma niente paura per De Zerbi che vuole migliorare i suoi numeri in Champions League e che crede ancora nella qualificazione quantomeno in Europa League. Vedremo quali saranno i pericoli che l'ex tecnico del Sassuolo presenterà all'Inter, dopo lo 0-0 dell'andata, ma sorpattutto dopo i due della scorsa Champions League che hanno eliminato i nerazzurri, lo Shakhtar non vuole affatto fermarsi qui.