Inter, Conte: “Sono soddisfatto di tutti. Sanchez non è ancora pronto”

Le parole di Antonio Conte in conferenza stampa alla vigilia del match casalingo contro il Parma
30.10.2020 14:07 di Vincenzo Mirto   Vedi letture
Fonte: Inter.it

Antonio Conte è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida casalinga di domani pomeriggio contro il Parma. Ecco di seguito riportate le sue parole:

Il Parma è abituato a giocare a viso aperto. Pensa sarà così anche domani?
"Onestamente penso che il Parma abbia una propria fisionomia. Le squadre di Liverani cercano sempre di giocare a calcio. E' inevitabile che ci sarà sempre una strategia dietro ogni partita. Come ce l'abbiamo noi ce l'ha il Parma".

Come sta Lukaku? Ci sono possibilità di recuperarlo per il Real Madrid?
"Ha avuto questo problemino muscolare durante la gara contro lo Shakhtar quando ha calciato la punizione. Ha tuttora questo affaticamento, è giusto recuperarlo nel migliore dei modi. Sapete benissimo che Romelu è importante per noi, così come gli altri, soprattutto avendo anche l'assenza di Sanchez che si è trascinato un problema dalla nazionale. Stiamo monitorando la situazione cercando di agire per il meglio del calciatore e dell'Inter. Dispiace sicuramente anche perché in questo periodo ne avremmo avuto bisogno. Stiamo recuperando alcuni calciatori dal coronavirus, ma ho grande fiducia nei calciatori a disposizione e dobbiamo far bene a prescindere".

A Kiev abbiamo visto subito Young appena recuperato: varrà lo stesso per Gagliardini? - "La scelta su Ashley poteva sorprendere, ma con lo staff siamo stati bravi a gestire la situazione, mantenendolo allenato da casa. Rischiarlo era un interrogativo, ma sapevamo che poteva giocare e far riposare Perisic che le aveva giocate tutte. In queste situazioni devi fare di necessità virtù. Gaglia sta bene, abbiamo fatto dei parametri ed è a tutti gli effetti disponibile. Insieme all'attacco, il centrocampo è stato molto colpito dopo la sosta".

Vidal può anche alzare il raggio d'azione? - "Arturo ha raggiunto un livello di maturazione importante, all'inizio era molto più offensivo, attaccava di più l'area, ora è molto più maturo e posso chiedergli qualunque cosa. I nostri centrocampisti hanno maggiori caratteristiche offensive, aspetto che mi porta a chiedere ad Arturo più copertura. Porta esperienza e cattiveria in questa squadra, ha sempre giocato e visto il periodo di inattività con il Barcellona mi ha fatto stare in anzia. Se posso farlo, gli darò respiro perché arriviamo veramente tirati"

L'Inter ha sempre subito episodi arbitrali non favorevoli. Dopo ogni gara nessuno però ha commentato: perché? - "Penso sia giusto fare delle valutazioni nelle sedi opportune, farsi sentire dai dirigenti e dal club su episodi negativi. Non va bene che sia a farlo sempre l'allenatore che pensa al campo e ai calciatori".

Nella ricerca di equilibrio si parla spesso del centrocampo: è soddisfatto di Brozovic? - "Sono soddisfatto di tutti per ciò che stanno dando, doppiamente perché lo hanno fatto in un momento in cui non c'erano alternative e vedevo stanchezza in allenamento. Ho chiesto a tutti dei supplementi, Marcelo ha fatto le ultime due partite in modo importante, può migliorare sotto alcuni aspetti, ma per attitudine, impegno e disponibilità non posso che essere contento".

Perisic può essere una soluzione per l'attacco? - "Ivan con me ha già giocato da punta, nel pre-campionato dell'anno scorso. Le sue caratteristiche lo portano a fare l'attaccante anche in Nazionale e può essere un'alternativa nel duo d'attacco. Abbiamo scelto questa strada e cercheremo di continuare così. Anche Andrea Pinamonti è affidabile: deve mangiare pane duro, ma dimostra attitudine e applicazione, oggi rappresenta necessariamente un'alternativa per l'attacco. Faremo delle attente valutazioni".

Gervinho può fare al caso dell'Inter in vista di gennaio? - "Ottimo giocatore, ha fatto cose benissimo in Italia, ho grande rispetto però per il Parma e dei miei calciatori. Sono contento di chi ho a disposizione, non penso a gennaio. Domani cercheremo di ottenere i tre punti"