Inter, Bergomi: "Con la Fiorentina campanello d'allarme"

Beppe Bergomi a Sky parla della prestazione dell'Inter contro la Fiorentina. Per l'ex capitano la prestazione difensiva dell'Inter è stata un campanello d'allarme.
28.09.2020 13:00 di Federico Cimolai   Vedi letture
Fonte: Sky Sport

L'Inter ha vinto 4-3 contro la Fiorentina in extremis, giocando una buona partita in fase offensiva, meno in quella difensiva. Sulla prestazione della squadra di Conte e, in particolare sulla difesa, è intervenuto a Sky Calcio Club uno dei più grandi difensori della storia dell'Inter, Beppe Bergomi: "L’Inter non mi è piaciuta, ho visto tanta confusione, ha fatto fatica. Esaltante la vittoria per i tifosi, ma è un campanello d’allarme".

Bergomi sottolinea come la difesa dell'Inter sia da sistemare al più presto: " Anche l’Inter è lavori in corso: la difesa di ieri fa fatica. Bastoni era fuori ruolo, D’Ambrosio è meglio da quinto che da terzo, Kolarov in campo aperto e 50 metri di campo dietro… Fanno tutti fatica". Bergomi prosegue la sua analisi sul reparto difensivo analizzando alcune situazioni dei singoli e parlando anche di mercato: "De Vrij è fondamentale e visto che è andato Godin, se va Skriniar, non ne basta uno: ne serve un altro, ma di personalità. Se mi arriva Milenkovic sicuro, vendo Skriniar: Smalling a tre gioca centrale e lì gioca De Vrij. Da quello che ho capito io la Fiorentina pensa più a vendere Chiesa che Milenkovic."

Gli aspetti positivi riguardano i cambi che possono permettere a Conte di avere più soluzioni a gara in corso che possono cambiare gli equilibri di una gara come successo sabato, e come invece difficilmente poteva accadere la scorsa stagione: "I cinque cambi? Sanchez e Hakimi hanno inciso, gli altri grazie alla personalità e alla presenza: questo è importante", ma per Bergomi non è escluso che qualcuno possa partire.