Inter Atalanta, Gasperini con il suo veleno, Conte con la sua rabbia

Si avvicina Inter Atalanta, altra gara difficilissima. Torna a San Siro Gasperini, stimato per ciò che sta facendo ora ma inviso come pochi altri
08.01.2020 22:06 di Mario Spolverini   Vedi letture

Gian Piero Gasperini deve aver fatto qualche corso di specializzazione per  far chiudere la vena ai tifosi nerazzurri, con i fatti e con le parole. I fatti sono quelli del 2011, quando per qualche mese ebbe l’onore di poggiare le chiappe sulla panchina dell’Inter, riuscendo a farla bullizzare dal Chievo e dal Novara. Ma sono anche quelli di oggi, di cui bisogna rendergli grande merito, con un’Atalanta che si qualifica agli ottavi di Champions e l’Inter a guardare, che gioca un calcio bello, ma bello davvero, con nomi di secondo piano ma piedi e neuroni di altissimo livello.

Alle sue parole invece non c’è da scappellarsi. Il veleno che quei tre mesi fallimentari gli hanno lasciato trasuda ancora da ogni sillaba, a distanza di quasi 10 anni: “nell’unica esperienza che ho avuto quel club era in grande difficoltà, perché finiva dietro il Genoa e l’Atalanta"...“, oppure, poco tempo dopo "Non mi ricordo di essere mai stato in una grande squadra. L’Inter non lo era, almeno come valori tecnici”.

Ha ragione, a quel tempo mica aveva  Ilicic e Gosens in rosa, e neanche il Papu Gomez Hateboer. Aveva schiappe come Zanetti e Cambiasso, Milito e Snejider, Motta e Chivu, Maicon e Julio Cesar. E poi Pazzini, Guarin e Coutinho, tanto per uscire dall’elenco sacro dei reduci del triplete.

Gasperini  ebbe la sua occasione, se la giocò male e scomparve dai radar interisti. Il nerazzurro che gli si addice è quello di Bergamo,  se lo tenga stretto.  Sabato sera verrà a San Siro per farci male, Conte dovrà riuscire ad essere più velenoso di lui.