Il suo "gambone" fece impazzire i tifosi, oggi viaggia verso il Parlamento

Nel 2010 fu anche lui protagonista nell'Inter di Mourinho e del Tripete con pochi minuti giocati ma rimasti nella memoria collettiva
17.10.2019 22:45 di Mario Spolverini   Vedi letture

"Poi esce anche Mariga su Messi, Marigaaa, col gambone, è calcio di punizione, col gambone, è calcio di punizione" successe anche questo durante il recupero di Barcellona Inter del 2010.  Fabio Caressa urlava nel microfono gli ultimi sospiri di un popolo intero che aspettava solo il triplice fischio del portoghese Benquerença, mentre Mc Donald Mariga strappava un pallone dai piedi di Messi che poteva diventare letale.

Quel gambone partecipò all'epopea nerazzurra per i 5 minuti più sofferti che i tifosi interisti ricordino, dopo averne giocati altri 4 con il cuore in gola a Stamford Bridge poche settimane prima. Mariga aveva 23 anni ed un fisico da bronzo di Riace, Mourinho lo gettò nella mischia quando le forze sembravano non bastare più ai suoi ragazzi che da un'ora giocavano in 10 contro il Barca più forte di sempre.

Appese le scarpette al chiodo, il centrocampista keniano oggi cerca un'altra avventura altrettanto importante, candidandosi al Parlamento del suo paese nelle elezioni suppletive per un seggio lasciato libero da un deputato prematuramente scomparso.

Col gambone anche oggi Mc Donald, come 9 anni fa è l'augurio di tutti i tifosi nerazzurri.