Inter super decimata contro l’Eintracht. I giovani in panchina

Archiviata la vittoria contro la Spal, l’Inter è proiettata all’importante partita di giovedì contro l’Eintracht. Una sfida che si preannuncia piuttosto complicata per due motivi: il primo è che il club tedesco è un avversario temibile. L’altro motivo è che Luciano Spalletti avrà a disposizione una rosa ridotta all’osso. Con GagliardiniJoao Mario e Dalbert fuori dalla lista Uefa, mancheranno gli squalificati Asamoah e Lautaro. Come se non bastasse, dopo la partita contro la Spal l’allenatore perde anche Joao Miranda e Marcelo Brozovic, senza contare la sicura assenza di Radja Nainggolan. E sullo sfondo c’è sempre la situazione legata a Mauro Icardi il cui rientro sembra ancora lontano.

“Ne resteranno soltanto undici, oltre i portieri. E di questi undici almeno un paio sono in condizioni fisiche non perfette. Ma qui non c’è spazio di manovra, non si può andare troppo per il sottile”, scrive la Gazzetta dello Sport. “Pare il gruppo Whatsapp per organizzare una partita tra amici. Quanti siamo giovedì sera? Io no, non sono stato invitato. Io non posso, sto male o non posso entrare. E io neppure. Dai, vieni ad aiutarci? No scusa, ho un altro impegno. Luciano Spalletti è messo così, in vista del ritorno di Europa League: solo undici calciatori di movimento a disposizione al netto dei Primavera, dunque una sola riserva della prima squadra e la lista B che sarà saccheggiata per riempire almeno la panchina”.

Beppe Marotta snobba Tiki Taka, nessuna risposta a Wanda Nara

Primavera, Madonna: “Il Braga è tosto, positiva la reazione”