Inter: il man of the match ai mondiali è il nerazzurro, con tanti saluti ai critici

Inter Perisic stellare porta la sua Croazia in finale

(Inter Perisic) La Croazia ribalta la Francia e vola in finale al mondiale russo. Troppo rapido il vantaggio iniziale inglese per considerare finita una squadra di talento e di capacità di sofferenza enormi come la Croazia.

In mezzo a questo vero e proprio miracolo del calcio mondiale stasera un protagonista si erge su tutti, ed è un nerazzurro. Ivan Perisic ha giocato una partita, soprattutto dalla ripresa in poi, a livelli stratosferici.

Il gol del pareggio è un autentico capolavoro di tempismo ed acrobazia. La Gazzetta dello Sport lo descrive così: “al 20’ del secondo tempo scatta il momento “Ivan il Terribile”: Perisic fa a pezzi (piccoli) Walker, il più insicuro dei suoi. L’interista prima lo centra nelle parti basse, poi lo anticipa col piedone sinistro sul cross di Vrsaljko (Walker ci va di testa) per il gol del pareggio. Dopo altri 3’ lo salta netto e tira: palo interno.

E per finire la serata il cioccolatino dell’assist vincente a Mandzukic per il gol della vittoria.

Man of the match UEFA

Normale che a fine gara l’Uefa abbia riconosciuto a Perisic il premio quale MVP della serata. Il man of the match ha parlato dopo i festeggiamenti: “È stata una partita molto difficile, sappiamo tutti cosa c’era in gioco, quanto è importante una semifinale per un piccolo paese come la Croazia.

Abbiamo iniziato piano ma abbiamo mostrato la nostra personalità, proprio come abbiamo fatto nei precedenti due turni a eliminazione diretta quando siamo andati sotto di un gol entrambe le volte. Abbiamo dimostrato di non mollare mai. Venti anni fa ero a casa a Omis, la mia città natale, e avevo tifato indossando una maglia della Croazia. Avrei potuto solo sognare di giocare per il mio paese e segnare uno dei gol più importanti per andare in finale”.
Fonte Gazzetta.it

Inter Dipendenza è fonte ufficiale di Google News. Rimani aggiornato, seguici qui

Inter: da “meraviglia” a flop, saluta l’Italia ma non lascia rimpianti

(GdS) De Vrij si presenta: “Io e l’Inter siamo ambiziosi. Su Lazio Inter…”