Inter, il calciatore prova a riconquistare i tifosi: primo passo fatto (GdS)

Inter, la redenzione ha inizio

Sembrava con un piede e mezzo fuori dall’Inter soltanto tredici giorni fa, oggi invece è dentro la squadra nerazzurra più che mai, forse come mai lo è stato in questa stagione. Sì perché questa è la stagione più dura per lui da quando è in nerazzurro, i suoi numeri lo certificano: 3 gol e 2 assist in campionato, che diventano cinque contando la gara di Coppa Italia contro il Benevento.

Benevento o no, il risultato non cambia. Poi c’è stato, come se non bastasse, il mal di pancia: l’Arsenal lo tentava, ma non ha mai stabilito un contatto con la società nerazzurra. Nulla da fare, quindi: si resta a Milano almeno fino a giugno. Da allora il croato ha iniziato un vero e proprio percorso di redenzione per tornare ad essere utile alla causa interista, e anche alla sua.

Se vuole andare via c’è un solo modo per attirare le attenzione dei club della Premier: giocare bene. Domenica contro il Parma si sono visti sprazzi del vecchio Perisic: corsa sulla fascia, dribbling – a volte non riusciti -, cross e occasioni da gol create. Da tempo non si vedeva un Perisic così: il futuro può solo essere più roseo.

Obiettivo tornare quello di Russia

La migliore versione di Perisic, perlomeno recente, è quella che i tifosi nerazzurri e croati hanno potuto ammirare in Russia, nei campionati mondiali disputati in estate. L’esterno dell’Inter è stato uno dei protagonisti in positivo dell’intera manifestazione, con tanto di gol segnato in finale contro la Francia, un gol inutile purtroppo.

L’obiettivo dunque è quello di farlo tornare su quei livelli, perché quelle prestazioni aiuterebbero molto Icardi e compagni in questa seconda parte di stagione e, come detto, farebbero drizzare le antenne a più di un top club.

icardi inter wanda

Icardi, Wanda frena sul rinnovo. Le sue parole (CdS)

Rapid Inter, la marcia di avvicinamento dei nerazzurri (CdS)