Inter, fatturato boom, ad una condizione: ecco quale (CdS)

Inter, fatturato boom

I tifosi dell’Inter, o perlomeno alcuni di essi, non vedono di buon occhio Suning poiché non investe abbastanza nel parco giocatori. Quello che non comprendono è che arriverà a farlo, prima però c’è bisogno di aumentare il fatturato in modo da mirare sempre più a calciatori di gran classe, o meglio i top player tanto agognati.

Bene, il dato che riporta oggi il Corriere dello Sport è una chiara testimonianza di quanto il lavoro di Antonello e Suning sia già ad un ottimo punto. Sì perché nella stagione 2019/20, la prossima, il fatturato nerazzurro potrebbe sfondare quota 400 milioni di euro. Un risultato straordinario per una società che, soltanto tre anni fa fatturava 177,3 milioni di euro. E tutto questo, è stato possibile grazie a Suning, che in una stagione ha portato i 177,3 milioni di fatturato a 268,6.

Per arrivare, e superare, quota 400 milioni però serve che i calciatori in campo aiutino le politiche espansionistiche di Suning. In parole povere, serve la Champions League. Se i nerazzurri dovesso piazzarsi quinti o sesti, che equivarrebbero all’Europa League, da 400 milioni si scenderebbe a 340, player treding escluso. Una bella differenza.

La Champions fondamentale

La qualificazione alla prossima Champions League sarà fondamentale. L’Inter, dal primo luglio 2019 sarà finalmente fuori dal settlement agreement, e questo comporterà maggiori disponibilità sul mercato. Inoltre, qualificarsi alla massima competizione europea per club comporterebbe anche la possibilità di elargire stipendi più alti o offrirli in sede di trattative.

Insomma, “riveder le stelle” è quanto mai necessario, perché con l’Europa League molto, se non tutto, cambierebbe. Addirittura potrebbe essere necessario sacrificare uno o più big, uno scenario che una società in espansione come quella nerazzurra non deve nemmeno prendere in considerazione.

Inter, il supporto arriva da chi non ti aspetti. Le sue parole (GdS)

inter spalletti

Spalletti, febbraio è il tuo mese: le mosse per riprendersi l’Inter (GdS)