wanda nara

Inter, clamorosa rivelazione di Wanda: “Icardi alla Juve, tutto fatto. Ma…”

Inter, parla Wanda

Sembrava un tranquillo lunedì, perlomeno fino alla tarda serata, quando Wanda Nara, durante Tiki Taka, ha confessato un peccato quasi inconfessabile: Icardi era della Juve. I fatti risalgono al giugno/luglio 2018: la Juventus voleva liberarsi di Higuain e l’Inter voleva liberarsi – sì, proprio così – del suo capitano Mauro Icardi.

Quindi, Ausilio e Marotta avevano imbastito un’operazione per portare Icardi a Torino. Operazione che comprendeva Higuain e soldi, quindi abbastanza ricca. Ausilio, e la dirigenza tutta, ha accettato l’offerta e quindi la Juve ha iniziato a trattare direttamente i dettagli del contratto con Icardi e la sua moglie/agente Wanda Nara.

E qui arriva il bello: Icardi rifiuta l’offerta juventina – di molto superiore rispetto a quanto guadagna adesso – e decide di rimanere a Milano. La Juventus, per provare a convincerlo, gli ha assicurato che avrebbe giocato con Cristiano Ronaldo, quando ancora non era stato annunciato dalla società juventina. Fatto che si è verificato qualche giorno dopo.

Allucinante

Se le parole di Wanda fossero vere, perché dobbiamo avere il beneficio del dubbio, si tratterebbe di un’operazione scellerata da parte della società che forse avrebbe rimesso a posto i conti, ma sicuramente avrebbe rovinato tanti equilibri interni alla società. Per fortuna dell’Inter Maurito ha rifiutato l’offerta juventina ed ha deciso di rimanere a Milano.

Un gesto sicuramente di grande amore nei confronti dell’Inter, davanti ad una scelta della società – perché incolpare solo Ausilio è profondamente ingiusto – assolutamente sbalorditiva, nell’accezione negativa del termine. E l’operazione, probabilmente, avrebbe fatto felice Spalletti che cerca un attaccante di manovra, in grado di giocare la palla, cosa che, tra l’altro, Icardi ha cominciato a fare benissimo.

Primavera Tim Cup, Inter-Palermo in diretta: dove si potrà vedere il match

mercato inter

Inter, nel mirino il fuoriclasse brasiliano: la strategia (GdS)