(ID) Riccardo Cucchi: “L’Inter può crescere. Icardi e Perisic su tutti. La notte di Madrid…”

12.01.2019 16:00 di Davide Currenti   Vedi letture
<div id="videoincontent"></div><h2>La redazione di interdipendenza.net ha intervistato Riccardo Cucchi, storica voce di<em> ‘Tutto il calcio minuto per minuto’</em>, una piacevole chiacchierata sull’Inter</h2><p>Le sue radiocronache hanno fatto la storia del calcio italiano, la sua voce ha narrato il 22 maggio 2010 la finale di Madrid,<em> “la magica notte di Champions quando un altro <strong>Moratti</strong> alzò la coppa al cielo. Orgoglioso di essere stato la “voce” del triplete”</em>, come detto dallo stesso <strong>Riccardo Cucchi</strong> durante l’intervista.</p><div style="margin:10px 0;text-align:center" id="div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Corpo-300x250-BTF"></div><p>La redazione di <em>interdipendenza.net</em> ha intervistato l’ex radiocronista di<em> ‘Tutto il calcio minuto per minuto’</em>. Una piacevole chiacchierata sull’<strong>Inter</strong>: dall’andamento della stagione attuale agli obiettivi futuri, passando per Suning, toccando i fatti accaduti prima e durante Inter-Napoli.</p><div id='div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Title-300x250_ATF' style='text-align:center;margin:10px 0'></div><p><strong>L’Inter è al terzo posto, in linea con l’obiettivo di inizio stagione. Come giudica il cammino dei nerazzurri nel girone d’andata?</strong></p><div style="margin:10px 0;text-align:center" id="div-gpt-ad-INTERDIP-DSK-ART-Corpo-336x280-BTF-2"></div><div id='div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Corpo-300x250-BTF-2' style='text-align:center;margin:10px 0'></div><p><em>“È stato un buon cammino a mio giudizio considerata la grande forza della <strong>Juventus</strong> e la qualità del <strong>Napoli.</strong> Semmai immaginavo un distacco meno evidente dai bianconeri. Ma la squadra di <strong>Spalletti</strong> <strong>può solo crescere</strong>“.</em></p><p><strong>Oltre al campionato, la squadra di Spalletti sarà impegnata in coppa Italia e Europa League. Riuscirà a sollevare un trofeo in questa stagione?</strong></p><div id="mup_infeed2"></div><p><em>“E’ un obiettivo alla portata. <strong>Penso di più all’Europa League.</strong> Sarebbe tempo che un trofeo europeo tornasse in Italia. Sarà importante superare la delusione per l’ eliminazione dalla Champions e considerare l’Europa League un obiettivo non secondario”.</em></p><p><strong>Con Suning, il club nerazzurro sta cercando di rilanciarsi. L’Inter potrà diventare la prima antagonista della Juventus per il titolo nazionale?</strong></p><p><em>“Dipenderà dalla capacità di progettare. È il punto di partenza. La proprietà mi pare motivata, gli investimenti ci sono e ci saranno, <strong>Marotta</strong> aggiunge qualità ed esperienza e dunque la strada tracciata è quella giusta”.</em></p><p><strong>Quali sono i giocatori nerazzurri che più ammira?</strong></p><p><em>“Sicuramente <strong>Icardi</strong> e <strong>Perisic”.</strong></em></p><p><strong>Nella sua immensa carriera da radiocronista, ricorda una partita dell’Inter in particolare che ha narrato?</strong></p><p><em>“La risposta è facile. La finale di Madrid, la magica notte di Champions quando un altro <strong>Moratti</strong> alzò la coppa al cielo. Orgoglioso di essere stato la “voce” del triplete”.</em></p><p><strong>I fatti accaduti prima di Inter-Napoli hanno scatenato la reazione di tutti i media nazionali. Il problema della violenza e del razzismo, purtroppo, è ancora presente. Secondo lei quale potrebbe essere la soluzione ideale o la strada da seguire per cercare di debellare questo grosso problema?</strong></p><p><em>“Sarò netto: <strong>no alla chiusura di settori dello stadio o di tutto lo stadio</strong>. Si puniscono così anche gli innocenti. <strong>Si all’ individuazione dei colpevoli che vanno perseguiti penalmente e cacciati per sempre dallo stadio</strong>. E smettiamola di chiamarli tifosi. <strong>Sono specialisti della violenza, razzisti, spesso politicizzati. Il tifo è un’altra cosa. Il calcio è un’altra cosa”.</strong></em></p><p>La redazione di <em>interdipendenza.net</em> ringrazia <strong>Riccardo Cucchi</strong> per la disponibilità.</p><p>Disclaimer – Il presente articolo non è riproducibile senza citazione della fonte con inserimento di link attivo allo stesso. Ogni violazione verrà perseguita a norma di legge.</p>