ESCLUSIVA ID - Dall’Argentina: Vi sveliamo il futuro di Lautaro Martinez

Intervista esclusiva a Agustin Marioni, procuratore argentino. Tanti temi trattati: il futuro di Lautaro Martinez il principale.
21.07.2021 15:15 di Davide Currenti   vedi letture

"Non andrà da nessuna parte, resterà in nerazzurro", così il procuratore argentino Agustin Marioni ai microfoni di interdipendenza.net. Una lunga intervista, tanti temi toccati insieme all'ex direttore sportivo della Maceratese (stagione 2014/2015, ndr), ora in Sudamerica a capo della Foco Rosario. Lavoro svolto prevalentemente in Sudamerica e negli Stati Uniti, con tanti calciatori sotto la procura di Marioni.

Lautaro grande protagonista con l'Argentina in Copa America. Un grande presente, un grande futuro. Cosa si dice di Lautaro in Sud America? Lascerà l’Inter?

“E' un grandissimo calciatore che ha fatto molto bene all'Inter. In Copa America non ha fornito una grande prestazione e qui in Argentina e i giornalisti e i tifosi non sono stati contentissimi. Resta sempre un grande calciatore, il posto da centravanti della nazionale è suo. Non andrà da nessuna parte, resterà in nerazzurro”.

Il covid sta cambiando l'economia mondiale, compresa quella del calcio. Il calciomercato è più complicato per molti club. Come sta cambiando in Sudamerica e negli Stati Uniti?

“Il covid non ha cambiato solo il calcio, ma il mondo. Qui in Sudamerica il mercato interno è molto duro, si cerca nelle categorie minori oppure quelli dei vivai, soprattutto in Argentina. Negli Stati Uniti, prima del covid stavano andando molto forte. Riprenderanno l'anno prossimo, non hanno un problema economico”.

In Sudamerica si è da poco conclusa la Copa America, con il trionfo dell'Argentina contro il Brasile. Hai visto qualche 'nuovo' giocatore pronto per il calcio europeo?

“Non sono tanti. Tipo l'Argentina, molti calciatori sono già in Europa. Chi non era molto conosciuto qui dalla gente è Molina. Ha fatto una grande Copa America, è stata una rivelazione del torneo. Bene anche Hincapiè, difensore centrale dell'Ecuador che gioca nel Talleres”.

Da sempre il calcio sudamericano ha sfornato fenomeni che hanno avuto successo in Europa. Quali sono i giovani talenti argentini che potrebbero arrivare in Europa per seguire le orme dei vari Messi, Aguero, Di Maria, Lautaro? 

“I giovani talenti argentini, forti come Messi e Di Maria, non ce ne sono. C'è Thiago Almada del Velez Sarsfield, sorprendente che sia ancora in Argentina. Sicuramente arriverà in Europa in questa sessione di mercato: è il più forte di tutti. C'è Velasco dell'Independiente, trequartista molto forte, Orellano del Velez Sarsfield, esterno d'attacco molto veloce. Poi, Facundo Farias, trequartista che ha vinto il campionato con il Colon Santa Fè”.


L'Inter ha un rapporto 'speciale' con l'Argentina. Tanti i campioni che hanno vestito la maglia nerazzurra. Da capitan Zanetti a Samuel, da Cambiasso a Milito per citarne alcuni che sono entrati nella leggenda. Per te, giocatori come Paredes e Molina potrebbero fare bene in nerazzurro?

“L'Inter è un grande club. Paredes non lo vedo nella squadra nerazzurra. Molina sì, ha fatto una grande Copa America. Avrà ancora tanto da dimostrare nel calcio italiano e si potrà adattare anche all'Inter”. 

Infine il fuoriclasse argentino: Leo Messi. Alla fine rinnoverà col Barcellona? Cosa si pensa in Argentina? 

“Penso che non ci siano dubbi sul suo futuro. Resterà al Barcellona. Dopo l'addio dell'ex presidente, con il ritorno di Laporta, Messi si sente bene. Dimostrazione l'acquisto del suo grande amico Aguero. Tra qualche anno, potrebbe andare nella Mls, ora è a Miami in vacanza con la famiglia”.

La redazione di interdipendenza.net ringrazia il procuratore argentino Agustin Marioni per la sua disponibilità.