Quel Maurito pubblicato in bianco e nero…

17.03.2019 15:15 di Luciano Oggiano   Vedi letture
<div id="videoincontent"></div><div id="toc_container" class="no_bullets"><p class="toc_title">Indice dei contenuti</p><ul class="toc_list"><li><a href="#Il_Maurito_dei_122_gol_in_maglia_nerazzurra"><span class="toc_number toc_depth_1">1</span> Il Maurito dei 122 gol in maglia nerazzurra</a></li><li><a href="#Societa_Inter_la_responsabilita_di_una_fascia_tolta8230"><span class="toc_number toc_depth_1">2</span> Società Inter, la responsabilità di una fascia tolta…</a></li><li><a href="#Icardi_la_cocciutaggine_del_rifiuto_al_ritorno_in_campo"><span class="toc_number toc_depth_1">3</span> Icardi, la cocciutaggine del rifiuto al ritorno in campo</a></li><li><a href="#Sull8217Inter_gli_spettri_di_una_nuova_debacle_ma8230"><span class="toc_number toc_depth_1">4</span> Sull’Inter gli spettri di una nuova debacle, ma…</a></li><li><a href="#Tradizioni_e_cabala_una_molla_d8217orgoglio_da_derby"><span class="toc_number toc_depth_1">5</span> Tradizioni e cabala, una molla d’orgoglio da derby</a></li></ul></div><h2><span id="Il_Maurito_dei_122_gol_in_maglia_nerazzurra">Il Maurito dei 122 gol in maglia nerazzurra</span></h2><p>Difficile trovare argomentazioni valide sul Giovedì sera a <em>S.Siro</em>. Ancora più difficile capire come si possa cadere così in basso nello spazio di un mese, basti rivedere le immagini di <strong>Fiorentina – Inter. </strong> Da sole dimostrano che l’<strong>Inter</strong> anti <strong>Eintracht</strong> non le era nemmeno cugina. Troppe cose cambiate in poco tempo, infortuni a parte, per non pensare che ancora una volta qualcuno ( o qualcosa) si è colpevolmente inceppato nel momento meno opportuno. Ad iniziare dall’ex capitano, proseguendo con i teatrini attorno alla telenovela. Di certo c’è che la vicenda <strong>Icardi</strong> è solo in apparenza in stallo, mentre in realtà per molti è già conclusa da tempo. E lo è con la certezza che quel <strong>Maurito</strong> dei 122 gol in maglia nerazzurra, che ha segnato più gol alla <strong>Juventus</strong>, e all’esordio in <em>Champions </em>fà 3 gol in 4 partite, è solo un ricordo. Fino a due mesi fà era considerato un valore da tenere in cassaforte, a dispetto della corte di altri top club. Ora è precipitato senza paracadute dalle curve che lo avevano acclamato, secondo voci misteriose anche spinto da <strong>Spalletti</strong>. E molti temono, sperando il contrario, che quel <strong>Maurito</strong> pubblicato in bianco e nero (immagine in evidenza) non sia proprio casuale…</p><div style="margin:10px 0;text-align:center" id="div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Corpo-300x250-BTF"></div><h2><span id="Societa_Inter_la_responsabilita_di_una_fascia_tolta8230">Società Inter, la responsabilità di una fascia tolta…</span></h2><p>Colpe da attribuire alle due parti, in percentuali diverse, sempre col beneficio del dubbio in relazione a quanto emerso attraverso i media. Alla società <strong>Inter</strong>, la responsabilità di una fascia tolta  ad un capitano che, pur con tutti i suoi difetti in quella veste, lo era da 3 anni. E averla tolta senza dare una giustificazione ufficiale al pubblico, è stato il primo passo opinabile, che ha poi lasciato il passo alle illazioni. Intrighi con altri compagni, presunti dissapori con l’allenatore (che pure lo definiva “<em>animale d’area</em>“, specie dopo il gol nel derby) svelati da una spia dello spogliatoio, “clan” in conflitto. Ma indubbiamente il polverone più denso si è alzato sul comportamento dell’agente/moglie <strong>Wanda</strong>, con le continue e comprovate dichiarazioni pubbliche. Le indiscrezioni, i malumori circa il rapporto di <strong>Mauro</strong> con il resto dello spogliatoio e le diatribe sul rinnovo, sono risultate determinanti per il deterioramento della situazione. Risultato, la tifoseria non ne può più, e sulla base di quanto è dato sapere, ha decretato l’incompatibilità di <strong>Icardi</strong> con il futuro della squadra. Di fatto, quindi, escludendolo da ogni possibilità di riabilitazione a breve scadenza, anche se a suon di gol.</p><div id='div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Title-300x250_ATF' style='text-align:center;margin:10px 0'></div><h2><span id="Icardi_la_cocciutaggine_del_rifiuto_al_ritorno_in_campo">Icardi, la cocciutaggine del rifiuto al ritorno in campo</span></h2><p>Ad <strong>Icardi</strong> invece attribuisco, sempre su base aleatoria delle notizie emerse, la cocciutaggine nel rifiuto al ritorno in campo e al dialogo con lo spogliatoio. In situazioni di assoluta emergenza a causa delle numerose defezioni, si evidenzia come il giocatore abbia anteposto il proprio ego ad ogni tentativo di riconciliazione. Comportamento in netto contrasto a quanto da sempre affermato sia da lui che da <strong>Wanda,</strong> circa il legame e la fedeltà che lo legherebbero all’<strong>Inter. </strong>E su queste basi si fondava, fino a poco tempo fà, l’improbabilità di un<strong> Maurito</strong> in bianco e nero, anche dalle nette dichiarazioni di Zhang. Ad oggi, risulta invece che l’assenza anche nel<em> derby</em> ha lasciato aperta solo una porta, quella in uscita. Assieme a lui, altri che hanno alimentato il fuoco, e poi fallito l’occasione per dimostrare che di <strong>Icardi</strong> ne fanno a meno senza problemi. Di fatto, i problemi si sono invece materializzati in quantità, su cifre che parlano da sole in classifica, laddove si legge di numeri stagnanti alla voce gol fatti.</p><div style="margin:10px 0;text-align:center" id="div-gpt-ad-INTERDIP-DSK-ART-Corpo-336x280-BTF-2"></div><div id='div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Corpo-300x250-BTF-2' style='text-align:center;margin:10px 0'></div><h2><span id="Sull8217Inter_gli_spettri_di_una_nuova_debacle_ma8230">Sull’Inter gli spettri di una nuova debacle, ma…</span></h2><p>Ora, portare a termine la stagione senza perdere l’ultimo obiettivo, la qualificazione alla prossima <em>Champions L</em>., probabilmente non basterà a <strong>Spalletti</strong> per guadagnarsi la riconferma. Ma per arrivarci, la squadra ha innegabilmente bisogno di una defibrillazione, una scossa vigorosa che però nel contesto attuale è difficile da assestare. In effetti, in tali condizioni i limiti fisico-atletici e caratteriali emersi sono gli unici dati che indicano ai bookmakers le quote previste per il <em>derby</em> di Domenica. Quote che risultano ovviamente impietose, e proiettano sull’<strong>Inter</strong> gli spettri di una nuova debacle. Tuttavia, pur nella probabilità di una sconfitta, la peculiarità della stracittadina concede qualche spiraglio ai nerazzurri…</p><h2><span id="Tradizioni_e_cabala_una_molla_d8217orgoglio_da_derby">Tradizioni e cabala, una molla d’orgoglio da derby</span></h2><p>Tradizione vuole che, spesso, sia la squadra che sta peggio a spuntarla. Ma aldilà della cabala, effimero lumicino di speranza, è possibile scatti una molla d’orgoglio da derby. Un meccanismo di rivalsa che rianimi i giocatori in campo, a riscattare un infausto periodo. Forse non sarà sufficiente, contro un <strong>Milan</strong> avvantaggiato per meriti propri e demerito dall’<strong>Inter</strong>, ma difficilmente si rivedrà una squadra così spenta e svogliata. Forse, solo su questo potrebbe commettere un piccolo errore di presunzione, il <strong>Milan. </strong>E se improvvisamente, contro ogni razionale logica, si rivedessero i <strong>Perisic</strong> e <strong>Brozovic</strong> del mondiale? Se <strong>Nainggolan, </strong>ammesso che possa entrare, si rimettesse a fare quello che sapeva, se<strong> Skriniar</strong> e <strong>De Vrj</strong> torneranno a formare la coppia solida già vista? Se <strong>Politano</strong> e <strong>Lautaro</strong> avessero rifatto il pieno di vitalità e voglia di farcela, lasciando di conseguenza l’immagine di <strong>Maurito</strong> in bianco e nero? ? Ovviamente non si vince con i<em> SE</em> e i <em>MA</em>, però “se” almeno buona parte si concretizzassero, per i rossoneri potrebbe diventare ben più difficile del previsto. Poi le solite frasi fatte (tipo la palla è rotonda), lasciano il tempo che trovano, perchè la rotondità è utile quando abilmente sfruttata.Tenendo ben presente che non solo il <strong>Milan</strong>, ma qualsiasi avversario può far male, se lo lasci giocare guardando e aspettando che sbagli…</p><div id="mup_infeed2"></div>