Inter-Icardi: la risposta alle “cagate” è una sola

11.01.2019 19:50 di Mario Spolverini   Vedi letture
<div id="videoincontent"></div><div id="toc_container" class="no_bullets"><p class="toc_title">Indice dei contenuti</p><ul class="toc_list"><li><a href="#Gazzetta_Inter_Icardi_un_rapporto_ad_alta_tensione"><span class="toc_number toc_depth_1">1</span> Gazzetta: Inter Icardi, un rapporto ad alta tensione</a></li><li><a href="#Finiti_i_tempi_delle_bandiere_la_Gazzetta_lo_sa_bene"><span class="toc_number toc_depth_1">2</span> Finiti i tempi delle bandiere, la Gazzetta lo sa bene</a></li><li><a href="#Piu_gossip_che_calcio"><span class="toc_number toc_depth_1">3</span> Più gossip che calcio</a></li><li><a href="#Per_la_societa_una_strada_obbligata"><span class="toc_number toc_depth_1">4</span> Per la società una strada obbligata</a></li></ul></div><h2><span id="Gazzetta_Inter_Icardi_un_rapporto_ad_alta_tensione">Gazzetta: Inter Icardi, un rapporto ad alta tensione</span></h2><p>(Inter Icardi Gazzetta) Wanda Nara è un tipo sveglio, nella vicenda contrattuale del marito segue una strategia chiara sia in termini di rivendicazione che di comunicazione. Proprio il circo mediatico che la ragazza ha imbastito ha infastidito non poco la società e i tifosi. La Gazzetta è uscita ieri con una affermazione strana, secondo la quale l’Inter ”<em>chiederà al capitano di trattare con un altro rappresentante”.</em><br />Come se un giudice dicesse ad un imputato di cambiare avvocato perché quello nominato gli sta sui marroni.<br />Davvero la società ha formulato questa richiesta? La risposta, secondo il buon senso dovrebbe essere solo una. No, perché nessun dirigente di una grande squadra si sognerebbe mai di impedire ad un suo giocatore, di scegliersi l’agente che vuole.</p><div style="margin:10px 0;text-align:center" id="div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Corpo-300x250-BTF"></div><p>La reazione di Icardi è stata non solo comprensibile ma anche dovuta, visto che si tratta di un suo rapporto fiduciario con il suo rappresentante. E se è la moglie è solo un particolare che poco rileva in questa vicenda. “Cagate” le ha definite il bomber.</p><div id='div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Title-300x250_ATF' style='text-align:center;margin:10px 0'></div><p>Una trattativa si fa tra due parti. Durante il percorso ognuna delle parti sceglie la tattica che preferisce per portare a casa il massimo risultato. Funziona così nel mondo degli affari, e il calcio a questi livelli è prima business che altro, ammesso che ci sia anche altro.</p><div style="margin:10px 0;text-align:center" id="div-gpt-ad-INTERDIP-DSK-ART-Corpo-336x280-BTF-2"></div><div id='div-gpt-ad-INTERDIP-Mob_ART-Corpo-300x250-BTF-2' style='text-align:center;margin:10px 0'></div><h2><span id="Finiti_i_tempi_delle_bandiere_la_Gazzetta_lo_sa_bene">Finiti i tempi delle bandiere, la Gazzetta lo sa bene</span></h2><p>Chi continua a parlare di un capitano che dovrebbe tacitare la moglie-agente in nome del senso di appartenenza è rimasto ancorato ad un mondo che non esiste più. Belli i tempi di Picchi, Mazzola Facchetti, Zanetti, che firmavano assegni in bianco o trovavano l‘accordo con la società con una stratta di mano davanti ad un caffè. Ma quei tempi non esistono più, quei tifosi amanti del “vintage” se ne facciano una ragione, una volta per tutte. E chi lo scrive per dimostrare quanto Icardi sia lontano da questi esempi lo fa strumentalmente, con un solo scopo, quello di continuare a spargere veleni dentro il club nerazzurro.</p><p>Ci sono riusciti benissimo, ancora una volta, mandando il sangue agli occhi di Icardi che ha risposto per le rime, spinto dall’orgoglio del campione e del marito ferito negli interessi e negli affetti.</p><div id="mup_infeed2"></div><h2><span id="Piu_gossip_che_calcio">Più gossip che calcio</span></h2><p>Il fondo di oggi del Vice Direttore della Gazzetta in qualche modo ne dà conferma. La manna gossippara proposta dalla coppia è quello che più interessa alla rosea, in un contesto comunicativo dove ormai si dà maggiore spazio ad uno spacco di un vestito che ad un gol decisivo.</p><p>Una tendenza che caratterizza un po’ tutte le testate storiche del giornalismo italiano ma nella quale la Gazzetta eccelle da tempo, specie quando di mezzo c’è l’Inter. Una scelta probabilmente dettata dalla necessità di mettere un argine alla perdita di vendite. Ma a nostro avviso così facendo si scavano la tomba sotto i piedi, lasciando spazi enormi al giornalismo minore, a quello fai da te che tenta ancora di parlare di calcio. Quello che non ha pubblicità, che ha poca visibilità in confronto, ma che diventa sempre più un argine alle derive di chi insegue ormai quasi solo il chiacchiericcio.</p><h2><span id="Per_la_societa_una_strada_obbligata">Per la società una strada obbligata</span></h2><p>Doveva rispondere la società? L’Inter di Suning non ha mai risposto pubblicamente a nessuna polemica, con l’arrivo di Marotta ancor meno e poi perché? Marotta ha detto ieri due parole per tranquillizzare l’ambiente, dopo che Icardi stesso aveva parlato di “cagate”,  quindi di pura fantasia. La sconfessione della Gazzetta viene da uno dei due diretti interessati, dunque game over per la rosea.</p><p>Non è dato conoscere i motivi per cui il quotidiano rosa  continui a mettere pressione sull’Inter in maniera così continua e violenta. Ma è evidente che la società ha solo un modo per rispondere alle “cagate”: chiudere questa vicenda prima possibile, con un contratto che soddisfi entrambi gli attori, che faccia venire il mal di fegato a chi auspica la rottura e che faccia vergognare chi semina zizzania.</p>