Badelj Inter: troppo tardi. Una rivale la beffa

Badelj inter: troppo tardi. Il croato verso una nuova destinazione

Niente Badelj Inter. Almeno per il momento, perché sul croato ci sarebbe il ritorno di fiamma di una rivale.

Secondo quanto riportato da Premium Sport, sul mediano viola sarebbe tornato forte il Milan.

Dopo aver ottenuto un secco no da parte di Fabregas, che pare voglia rimanere in Premier League anche l’anno prossimo, Fassone e Mirabelli sarebbero pronti a farsi avanti.

Badelj, titolare della nazionale croata al fianco calciatori del calibro di Rakitic e Modric, ha raggiunto la maturità calcistica, specializzandosi nel ruolo di vertice basso.

L’Inter lo seguirebbe da tempo, ma per il momento il Milan sarebbe più interessato, forse per via di un progetto tecnico già delineato.

I nerazzurri navigherebbero a vista in questo fine campionato, soprattutto in fase di impostazione. Un centrocampista come Badelj gli sarebbe servito al 100%.

Pro e contro

Dotato di grande senso della posizione, assieme a Vecino ha dimostrato di poter competere con qualsiasi altra linea mediana in Italia.

A gennaio, si parlava di un prezzo fissato al di sotto dei 20 milioni di euro. Considerate le doti tecniche e il ruolo ricoperto, si tratterebbe quindi, di un vero e proprio affare da non farsi sfuggire.

Statisticamente poi, si tratterebbe di uno dei giocatori più precisi sia in fase di costruzione, che in quella difensiva.

Molto duttile anche dal punto di vista del modulo, darebbe il meglio di se in un 4-3 3.

Però sia con la Croazia che con la Fiorentina, verrebbe ripetutamente schierato in un centrocampo a due, con compiti prettamente di costruzione.

Difficilmente infatti, riuscirebbe a spingersi nei pressi dell’area avversaria; la conferma ne è il fatto che non segni veramente poco.

Il motivo comunque, sarebbe legato più all’incarico affidatogli, piuttosto che per carenze tecniche.

Anzi probabilmente la tecnica individuale sarebbe la sua forza. Molti infatti, sarebbero gli assist per i suoi compagni a testimonianza del ruolo di timoniere nella squadra.

Milano lo cerca ma si vedrà verso quale sponda avverrà il trasferimento.

 

 

Pedullà Inter: la verità su Ausilio, le dimissioni e l’allenatore

Berardi Inter: importanti novità in vista del match col Sassuolo