Inter news: Brozovic, classe infinita. Vidal un guerriero. Pagelle ricche

Pagelle a mente fredda dei protagonisti del successo nerazzurro in Champions League contro lo Sheriff. Tre punti fondamentali per il passaggio del turno
04.11.2021 09:15 di Raffaele Garinella Twitter:    vedi letture

Un successo. Serviva solo questo. I nerazzurri lo hanno ottenuto annichilendo gli sceriffi. Brozovic si conferma calciatore dotato di classe sopraffina, Vidal un guerriero ritrovato. 
 

Le pagelle dei nerazzurri - a mente fredda - non potevano che essere soddisfacenti. Unica insufficienza - ma solo per l'ammonizione ricevuta - tocca a Darmian.


Handanovic: una paratina su Castaneda, un gol a tempo scaduto. Per il resto, spettatore non pagante. Voto: 6

Skriniar: Athanasiadis sembra Spider Man, ma lui è più lesto e fa centro al secondo tap-in. In difesa spicca per solidità. Dalle sue parti è chiuso. Voto: 7

De Vrji: Yakhshiboev al suo cospetto sembra un calciatore da campionato amatoriale. Attento in marcatura, si concede licenza d’impostazione. Sbaglia in due occasioni e chissà, con avversari di ben altro rango sarebbero stati dolori. O forse no. Nel dubbio, meglio non rischiare. Voto: 6,5

(Ranocchia: debutta in Champions League quando i giochi sono fatti. Voto: ng) 

Bastoni: attento come sempre. Cerca il dai e vai con Dimarco ma non sempre lo trova. Voto: 6,5

Darmian: attento nella fase difensiva, meno preciso in quella di possesso. Sbaglia cose semplici, e non è da lui. Si becca un giallo che lo limita ulteriormente. Voto: 5,5

(Dumfries: meno abbottonato del compagno di squadra. Cerca la profondità con più costanza. È attento anche in fase difensiva. Voto: 6,5)

Barella: corre per dieci. Gli avversari non gli stanno dietro. Intelligente quando, in occasione del tiro di Brozovic, si distende per terra. Voto: 7

Brozovic: quando rinnoviamo? Calciatore dalle doti stratosferiche. Con un dribbling ne fa fuori due, poi piazza il tiro vincente e tanti saluti ad Athanasiadis. Non sbaglia un pallone, uno, in regia. Voto: 7,5

Vidal: signore e signori, giù il cappello. La Champions League è il suo habitat naturale. Recupera tanti palloni. Da uno di questi nasce l’assist per il vantaggio di Brozovic. Voto: 7

Dimarco: così come per Darmian, era lecito attendersi qualcosa in più. Gioca col freno a mano tirato, eppure gli avversari si limitano a difendersi. Può fare molto più di così. Voto: 6

(Perisic: minuti nelle gambe. Riscaldamento in ottica derby. Costante nella spinta. Per Costanza sono guai. Voto: 6,5)

Lautaro: in questo periodo il pallone non vuole saperne di entrare. Il tiro a giro si stampa sul palo. Peccato. Generoso nel recuperare numerosi palloni facendo ripartire la squadra. Fa il suo. Sempre. Voto: 6,5

(Sanchez: quando El Nino Maravilla è in forma ha pochi rivali al mondo. Morde Duanto e spacca la rete di Athanasiadis. Arma in più. Che spettacolo. Voto: 7)

Dzeko: è generoso come sempre. Sfiora il gol in due occasioni. Athanasiadis è miracoloso sul suo tiro ravvicinato. Un gigante altruista. Voto: 6,5

(Correa: fieno in cascina dopo la doppietta di Udine. Voto: ng). 
 

All. Inzaghi: la sua Inter è sempre più europea. Abbatte lo Sheriff con una prestazione sontuosa. Legge bene la partita, indovina i cambi. Al derby si penserà da oggi. Voto: 7,5